Choc a Colorno: "O lo sposi o ti ammazziamo"

Una 18enne di origine indiana minacciata di morte dai genitori che volevano costringerla a sposare un connazionale: lei si è ribellata ed ora si trova in una località protetta

Volevano costringerla ad un matrimonio combinato con un uomo indiano, aveva già organizzato tutto nei dettagli ma lei si è opposta con tutte le forze a quel destino che non le apparteneva e, nonostante le minacce di morte, ha avuto il coraggio di rivolgersi ai carabinieri. La storia arriva da Colorno: una giovane, che frequenta una scuola superiore della città, ha deciso di non sottostare al volere dei genitori indiani: per lei era già pronto un matrimonio con un uomo che lei non aveva nemmeno conosciuto, un matrimonio combinato. Il padre e la madre della ragazza l'hanno minacciata di morte più volte: se non avesse accettato, dicevano, la punizione per lei avrebbe dovuto essere la morte. "O lo sposi o ti ammazziamo" è una delle frasi con la quale i genitori avrebbero minacciato più volte di morte la propria figlia.

Nonostante la giovane età e il condizionamento che può essere messo in atto da chi dovrebbe rappresentare una figura di riferimento per un adolescente la 18enne si è rifiutata, ribellandosi alla sua famiglia. Si è recata dai carabinieri di Colorno che hanno raccolto la sua testimonianza. Dopo gli accertamento del caso i due genitori sono stati raggiunti dal provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica di Parma, del dovirodi avvicinamento alla figlia. La 18enne è stata portata in una località protetta dove potrà iniziare una nuova vita con una nuova identità per sfuggire alle possibili rappresaglie violente della sua famiglia. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Condivido l’opinione di Umberto, ma nemmeno è giusto che la costrizione avvenga anche nel loro paese di origine, deve vigere la libertà di parola, scelta, opinioni, la libertà della persona, la libertà di scelta!

    • Sono d'accordo con te ma purtroppo non possiamo cambiare la legge nel loro paese. L'Italia può muoversi con politiche bilaterali forzando una eguaglianza tra generi ma sembra che nel mondo politico regga il vantaggio economico sopra quello umano.

  • In questo caso si dovrebbe scattare il provvedimento di espulsione nei confronto dei genitori. Persone che non si adeguano alla libertà del nostro paese dovrebbero soltanto tornare indietro al posto dove si regge tale "cultura".

Notizie di oggi

  • Sport

    Parma-Milan 1-1 | Punto d'oro ma c'è rammarico

  • Cronaca

    Borgotaro, agricoltore schiacciato dalla pianta che stava tagliando: grave al Maggiore

  • Cronaca

    "Massacrata e minacciata per anni dal mio ex: adesso ho paura ad uscire di casa"

  • Politica

    "Piazzale della Pace: la zona rossa c'è ma per i parmigiani"

I più letti della settimana

  • Tigotà apre a Parma lo store più grande della città

  • Bimba di 10 mesi muore nel sonno a Colorno: abitazione sotto sequestro

  • Poste non paga gli interessi di un buono di 34 anni fa: nonna e nipote risarciti

  • Lascia il figlio di 3 anni solo in casa per andare a firmare in Caserma, lui scappa in strada: 42enne denunciato

  • "Ecco il calvario di mia figlia 11enne autistica: bullizzata nuovamente dopo la denuncia"

  • Maxi tamponamento tra 4 auto e un furgone in via Emilia: ferito un 37enne di Fontanellato

Torna su
ParmaToday è in caricamento