Colorno, allagata la struttura sanitaria di via Primo Maggio: pazienti fatti salire al primo piano

La casa della Salute nel pomeriggio del 12 dicembre è rimasta chiusa in seguito all'esondazione della Parma

Oggi pomeriggio, 12 dicembre, la Casa della Salute di Colorno ha sospeso le attività per l’esondazione del torrente Parma di questa mattina. A prendere la decisione in via precauzionale, d’intesa con l’Amministrazione comunale, è stata l’Azienda USL nonostante non vi siano stati allagamenti o danni alla struttura. Nel corso della mattina di oggi gli utenti che si sono presentati agli appuntamenti hanno ricevuto regolarmente la prestazione, mentre i cittadini prenotati nel pomeriggio sono stati contattati telefonicamente dagli operatori, che li hanno avvisati dell’imminente chiusura della Casa della Salute e informati su come riprenotare la visita o l’esame. Sempre in giornata, sono state trasferite le sedute di dialisi previste alla Casa della Salute di Colorno, che gli assistiti hanno potuto effettuare alla Casa della Salute Pintor-Molinetto di Parma. Differente la situazione al Primo Maggio, la residenza che ospita persone con malattia mentale, dove l’acqua del torrente è arrivata al piano terra: i pazienti sono stati prontamente sistemati al piano superiore della stessa struttura. Gli operatori del Dipartimento di salute mentale dell’AUSL sono al lavoro per trovare una collocazione idonea, seppur temporanea, in attesa che i locali del piano terra tornino ad essere agibili e accoglienti. La direzione del Distretto di Parma è contatto con il Sindaco di Colorno per monitorare la situazione. Le informazioni al momento disponibili consentono di prevedere che domani, mercoledì 13 dicembre, l’attività della Casa della Salute potrà riprendere regolarmente. Si invitano comunque i cittadini a seguire le informazioni sulla situazione meteo e della viabilità.

“Ringrazio gli operatori della Casa della Salute e della residenza Primo Maggio – afferma Elena Saccenti direttore generale dell’AUSL di Parma – che si sono adoperati in modo tempestivo per i nostri utenti, per ridurre al minimo i disagi, facendo fronte ad una situazione difficile come quella di oggi. Insieme a loro, voglio ringraziare anche i soccorritori della Protezione civile per il loro rapido ed efficace intervento”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: scuole chiuse a Parma e in tutta la regione fino al 1 marzo

  • Precipita da una ferrata: durante un'escursione: muore 33enne parmigiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento