Colorno, furto nel cantiere della Vera srl: in manette 2 giovani colornesi

Grazie alla segnalazione di un cittadino il 36enne C. E., originario di Salerno ma residente a Colorno e il 20enne B.L sono stati arrestati in flagranza di reato. In auto avevano gli attrezzi per lo scasso

I carabinieri di Colorno, con il supporto del Nucleo Radiomobile di Fidenza, nella notte appena trascorsa hanno arrestato due colornesi in flagranza di furto aggravato. Verso le 4 di notte grazie alla segalazione di un cittadino che stava transitando in zona: nella frazione di San Rocco di Colorno aveva infatti notato movimenti sospetti nei pressi del cantiere edile della ditta Vera srl. Giunti sul posto i Carabinieri hanno notato un'Opel Astra grigia allontanarsi a tutta velocità dalla zona del cantiere.

I militari hanno inseguito i due malviventi, prima in auto e poi a piedi e li hanno raggiunti nelle campagne circostanti la strada. Il 36enne C. E., originario di Salerno ma residente a Colorno e il 20enne B.L., originario della Calabria e residente a Colorno, sono stati arrestati per tentato furto aggravato. Entrambi avevano predecenti per furto. In auto i Carabinieri hanno trovato gli attrezzi da scasso con i quali probabilmente stavano cercando di entrare all'interno del cantiere. Stamattina i due hanno affrontato il processo per direttissima. I due arrestati all’esito del giudizio di convalida dell’arresto si sono visti rinviare all’udienza del giorno 11: il Giudice della convalida ha disposto la custodia cautelare in carcere

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la 38enne di Fontanellato colpita da un malore in acqua

  • Tragedia a Varano: 39enne muore schiacchiato dalla ruspa che stava conducendo

  • La parmigiana Erica Talco torna a 'Uomini e donne'

  • Annaffia i fiori e l'acqua finisce sul balcone di sotto: 53enne aggredisce il vicino con un grosso machete

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • Roccabianca: scoperte due concessionarie abusive di auto

Torna su
ParmaToday è in caricamento