Proiettili a Colorno, il sindaco Canova: “Non mi sento in pericolo”

A dieci giorni dal recapito della lettera minatoria indirizzata al Sindaco di Colorno, Michela Canova dichiara: "sono tranquilla. Confido nelle forze dell'ordine". Intanto i carabinieri indagano sulla vicenda

Una lettera intimidatoria accompagnata da due proiettili. Un chiaro avvertimento per la Giunta di Colorno. Il sindaco Michela Canova destinataria della missiva minatoria a dieci giorni dall’accaduto di dice “serena. Anche se hanno scritto che conoscono i miei spostamenti, non sono preoccupata. In paese c’è un controllo sociale tale che la prima persona sospetta verrebbe immediatamente individuata ”.

Le indagini condotte dai carabinieri attualmente non hanno portato ad ulteriori sviluppi della vicenda. Il Sindaco dichiara comunque di “confidare nel lavoro delle forze dell’ordine”. E giustifica il silenzio che ruota intorno all’inchiesta con “una questione di discrezione, non mi piace essere in prima pagina. A qualcuno potrà fare piacere a me invece catalizzare l’attenzione dei media non piace affatto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E sull’origine della minaccia, che si ipotizza essere legata ad alcune ispezioni della polizia municipale in cantieri edili sospettati di infiltrazioni mafiose, non conferma e non smentisce: “chi mi ha minacciato ha scritto che io sono il braccio operativo dei vigili. Che la responsabilità di ciò che succederà sarà solo mia, ma ripeto: io mi sento tranquilla”. Il Comune di Colorno fa parte dell'Associazione Comuni Virtuosi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

Torna su
ParmaToday è in caricamento