commercio a salsomaggiore e tabiano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

"Il commercio è uno dei principali motori dell'economia e se esso va in crisi, ad andare in difficoltà l'intera città.". "Le attività commerciali cittadine concorrono in maniera significativa all'economia di Salsomaggiore terme e Tabiano e ora che si trovano in evidente difficoltà, per la crisi economica che ha colpito l'intero sistema Paese cui si aggiungono criticità prettamente locali, occorre mettere in atto tutte le iniziative possibili per sostenerle e rilanciarle, soprattutto e non solo in un periodo significativo commercialmente qual'è quello estivo.
Le nostre proposte , intendono costituire dei concreti aiuti al settore commerciale.

Nel dettaglio esse vertono su:
- L'elaborazione e l'attuazione di un programma di eventi culturali e artistici, che copra tutto l'anno, da svolgersi nel centro cittadino nei fine settimana al fine di invogliare i cittadini Termali a vivere il centro e preferirlo ai centri commerciali per i loro acquisti.
- creare un bus navetta stile outlet per permettere ai cittadini dalle citta limitrofe di raggiungere facilmente il centro termale per i loro acquisiti.
- Sgravi fiscali per i commercianti di quelle zone del centro cittadino che stanno subendo un'evidente "desertificazione commerciale". Nello specifico un contributo per ogni singolo commerciante in crisi che copra il 50% dell'ammontare dei tributi comunali
- Creazione di un fondo comunale per il commercio, sull'esempio di altre città d'Italia quali Venezia e Bari, che costituisca un aiuto economico per i commercianti in crisi tale da permettergli il rilancio dell'attività economica.
.
-Istituzione di un tavolo permanente di concertazione sul commercio cittadino cui siederanno i rappresentanti dell'Ente comunale e i rappresentanti delle associazioni di categoria, la Confcommercio, la Confesercenti e i rappresentanti dell'associazione dei proprietari di immobili dati in affitto per uso commerciale. Compito del tavolo sarà un costante monitoraggio della situazione del commercio cittadino per l'analisi delle sue criticità e l'elaborazione di proposte al supporto del settore. Uno dei principali compiti del tavolo di concertazione dovrà essere il monitoraggio dei prezzi dei canoni d'affitto delle botteghe degli esercizi commerciali della città, il cui rincaro, in alcuni casi fuori mercato, costituisce una delle criticità principali che stanno dietro alla desertificazione commerciale in atto nel centro cittadino.
Il nostro futuro assessore alle Attività Produttive saprà porre al centro della sua azione amministrativa il problema della crisi del commercio ,questa crisi è estremamente seria e da affrontare con intervent immediati, radicali e concreti che sappiano fermare la moria di esercizi commerciali nel centro e non aiutando i negozianti a non fallire.
Domenico Muollo
referente "Fratelli D'Italia"
Lista Scelta Unica

Torna su
ParmaToday è in caricamento