Antimafia, Bindi chiede una Commissione in ogni Regione. M5s: 'La nostra proposta è stata bocciata'

Il gruppo M5S in commenta le parole di Rosy Bindi, presidente della Commissione nazionale antimafia, che ieri in un convegno alla Camera aveva auspicato che ogni Regione si dotasse di una struttura per lo studio e il contrasto delle attività criminali. “PD e Sel un mese fa hanno bocciato in aula la nostra proposta di istituirla. Chissà se adesso cambieranno idea. Per noi resta una priorità assoluta”

“La creazione di una commissione antimafia era e resta una priorità assoluta per la nostra regione. Chissà se adesso che lo ha detto anche Rosy Bindi, PD e Sel cambieranno idea visto che nemmeno un mese fa hanno affossato la nostra proposta di istituirla”. È questa la posizione del gruppo assembleare M5S dell’Emilia-Romagna sulle parole pronunciate ieri da Rosy Bindi, presidente della Commissione nazionale antimafia, che auspicava che ogni Regione si dotasse in modo permanente di una commissione per fare “sistema” contro la criminalità grazie alla creazione di un forum con le realtà locali.

“Se quest’appello dovesse essere accolto, oggi l’Emilia-Romagna sarebbe l’unica Regione a restarne fuori – spiega il gruppo M5S in Regione – visto che PD e Sel hanno bocciato la nostra proposta con la giustificazione che fosse ‘una inutile sovrapposizione’. Chissà se adesso che a chiederla è un esponente del PD, la maggioranza si risveglierà improvvisamente dal torpore in cui è piombato e capirà che l’esigenza di una commissione antimafia non è un capriccio del Movimento 5 Stelle ma uno strumento utile a monitorare costantemente l’espandersi del fenomeno mafioso che sul nostro territorio si è fatto preoccupante. D’altronde l’esplosione delle numerose inchieste in tutta la regione dovrebbero averlo dimostrato ampiamente, ma il PD sembra ignorare anche questo”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La commissione che avevamo proposto sarebbe stata a costo zero e avrebbe permesso ai consiglieri di lavorare regolarmente e monitorare il tema del radicamento mafioso anche grazie al contributo di esperti del settore – aggiunge Giulia Gibertoni, capogruppo M5S in Regione – Avrebbe dato la possibilità di utilizzare dati raccolti per dare linee di indirizzo che impegnino la giunta sulle politiche di contrasto alla criminalità organizzata. Possibilità che attualmente non c’è all’interno della Regione Emilia-Romagna e che invece altre realtà come il Piemonte e la Lombardia sfruttano da tempo. Con noi non è servito a molto, ma adesso provino loro a convincere la Bindi che la mafia in Emilia-Romagna non esiste”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

Torna su
ParmaToday è in caricamento