Debito, la commissione di audit ai candidati sindaco: "Congelatelo"

Appello del gruppo di professionisti che dal 20 aprile lavorano sulle cause dell'indebitamento del Comune di Parma: "Un nuovo corso politico ne presuppone la sospensione, seppur temporanea"

Insediamento della commissione di audit

La commissione di audit per l'indagine sul debito pubblico del Comune di Parma, insediatasi il 20 aprile durante un'assemblea cittadina, lancia un appello ai cittadini, ai candidati sindaco al ballottaggio e alla prossima amministrazione comunale. Congelare il debito "come condizione fondamentale per fondare un nuovo corso politico, che presuppone la sospensione, seppure temporanea, di un debito ingentissimo, che non può essere ripianato dai cittadini, attraverso maggiori tasse e peggioramento dei servizi e della qualità della vita, sinchè non sia stato chiarito come è nato, chi ne sono i responsabili, chi ne sono stati gli eventuali beneficiari". L'appello per il congelamento del debito si può firmare a questo indirizzo.

La Commissione è composta da Alberto Mambriani, Arrigo Allegri, Cristina Quintavalla, Emilio Ceci, Enrico Calzolari, Fabrizio Tonelli, Giorgio Pagliari, Marco Adorni, Maria Pia Ranza, Marianna Cavalli, Massimo Guffanti, Paolo Scarpa, Riccardo Tonioli, Roberta Bianchi, Sabrina Michelotti. "Il debito pubblico, che sembra aggirarsi attorno ai 600/ 700 milioni di Euro -si legge nell'appello- non è purtroppo il nostro passato: esso riguarda il presente ed il futuro di ognuno di noi. Per i prossimi tre anni il Piano di programmazione economica, approntato recentemente dal Commissario straordinario Ciclosi, punta a reperire risorse dai cittadini attraverso l'innalzamento delle tasse (aliquote IMU e IRPEF al massimo consentito).

Prevede l'aumento delle tariffe dei servizi -prosegue l'appello- delle rette, attraverso tagli e cancellazioni di politiche di sostegno dei ceti deboli.Il debito complessivo del Comune di Parma, diviso per il numero degli abitanti, si traduce in un indebitamento pro capite, che oscilla tra i 2.200-3.000 euro. Hanno aderito le seguenti associazioni e gruppi politici: Liberacittadinanza, Parma Bene Comune, Ass. Italia-Cuba, Rifondazione Comunista, Ambulatorio Ospedale Vecchio, Ass.Perchè NO, Coordinamento Niente Voragini, Casa Cantoniera Autogestita, Ass.Verdi di Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento