Conquibus, il Gip blocca le attività dell'azienda che organizzava convegni per Aversa

Mattia Fiorentini ha disposto lo stop per un anno alla Csc, la cui titolare Paola Gagliardini è agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta

Inchiesta Conquibus. Il Gip Mattia Fiorentini, su richiesta della Pm Emanuela Podda, ha disposto il blocco, per un anno, di tutte le attività della società Csc di Perugia, che si occupava dell'organizzazione di gran parte dei convegni medici per l'ex direttore dell'Ematologia dell'Ospedale Maggiore Franco Aversa, finito agli arresti domiciliari per corruzione ed altre 30 imputazioni. La titolare della Csc Paola Gagliardini, che davanti al Gip aveva respinto tutte le accuse con dichiarazioni spontanee, si trova ai domiciliari. Ora questo nuovo provvedimento si aggiunge alle misure restrittive della libertà. Secondo il Gip tra i due ci sarebbe un forte legame, una sorta di accordo destinato a far crescere i guadagni per entrambi: Paola Gagliardini invece, durante l'interrogatorio, aveva scaricato tutte le responsabilità su Aversa, sostenendo di non sapere nulla dell'organizzazione dei convegni con le case farmaceutiche. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Usò il collare elettrico fino a provocare la morte del cane: condannato allevatore 47enne di Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento