Controlla ossessivamente, picchia e minaccia la moglie davanti alle figliolette: 35enne condannato

L'uomo, che aveva anche minacciato la donna con un coltello e decideva come spendere tutti i guadagni della famiglia, è stato sospeso dalla potestà genitoriale

Controllava ossessivamente tutte le azioni della moglie, che non era libera di gestire nemmeno le risorse economiche della famiglia, la picchiava - anche davanti alle figliolette di 4 e 6 anni - e la minacciava, una volta anche con un coltello. Un 35enne di origine albanese è stato condannato a due anni e due mesi per maltrattamenti in famiglia. La vicenda, che ha avuto il suo apice nel mese di febbraio con l'arrivo dei carabinieri all'interno dell'abitazione della famiglia, era iniziata mesi prima. Oltre alle botte anche le minacce, effettuate dall'uomo nei confronti della donna. La situzione era stata poi aggravata dall'abuso di alcol da parte del 35enne che, molto spesso, tornava a casa ubriaco. Il Tribunale di Parma lo ha condannato a due anni e due mesi mentre la sua potestà patrimoniale è stata sospesa per 4 anni e 4 mesi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I cinque migliori ristoranti per la pausa pranzo a Parma

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • È morto il 46enne investito da un ciclista in piazzale Picelli

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • "Buon viaggio Schinca": il ricordo degli amici del 40enne morto dopo lo schianto in moto

  • Fontanellato: 40enne morsa al polpaccio da una nutria

Torna su
ParmaToday è in caricamento