Copador, presidio dei lavoratori davanti ai cancelli: "Si proceda senza indugio"

Due ore di sciopero indette dai sindacati. Presenti anche i deputati Maestri e Romanini e la consigliera regionale Barbara Lori: "Nonostante il cambio di Cda si vada avanti per avviare la campagna del pomodoro 2017"

Crisi alla Copador. Nel pomeriggio di lunedì 27 marzo, dalle ore 16 alle ore 18, si è svolto un presidio dei lavoratori davanti ai cancelli dell'azienda di Collecchio. I sindacati, che hanno proclamato due ore di sciopero per la giornata di oggi dopo gli ultimi sviluppi della vertenza, denunciano l'allungamento dei tempi per la decisione su quale offerta vincolante accettare. Ne va il futuro lavorativo dei dipendenti e degli stagionali e la campagna del pomodoro 2017. 

“Abbiamo rinnovato ai lavoratori in sciopero il nostro sostegno e la nostra solidarietà; ci associamo alla loro richiesta affinché, nonostante il ricambio nel CdA di CoPadOr, si proceda senza indugio con l’obiettivo di mettere in sicurezza l’azienda e avviare la campagna 2017”. Così i deputati Giuseppe Romanini, Patrizia Maestri e la consigliera regionale Barbara Lori a margine della manifestazione indetta dai lavoratori di fronte ai cancelli dell’azienda di Collecchio, oggi lunedì 27 febbraio.  LA VERTENZA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Un uomo minaccia di lanciarsi dal viadotto: fermato all'altezza di Fontevivo

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Inciampa, cade e viene attaccata dai rottweiler del figlio

Torna su
ParmaToday è in caricamento