Solidarietà, il coro Voci di Parma sostiene i trasporti per i disabili

Il progetto Parma Facciamo Squadra invita a donare il proprio contributo per aiutare disabili, anziani e malati a rompere l’isolamento e uscire di casa con l’aiuto dei mezzi di trasporto dedicati a loro

Il coro Voci di Parma fa squadra per la mobilità solidale. Quaranta voci miste, per un repertorio che spazia dalla musica sacra al canto popolare. Attivo dal 1978, è uno dei cori da più tempo radicati nella nostra città e sempre pronto a sposare una buona causa di solidarietà. Questa volta i coristi sostengono il progetto Parma Facciamo Squadra invitando a donare il proprio contributo per aiutare disabili, anziani e malati a rompere l’isolamento e uscire di casa con l’aiuto dei mezzi di trasporto dedicati a loro. 

La campagna è ancora attiva fino al 13 gennaio; per partecipare basta andare sul sito www.parmafacciamosquadra.it, e donare il proprio contributo oppure fare un bonifico bancario sul conto Munus - Parma Facciamo Squadra, IBAN IT 24G06230 12700 000037113693. Ogni euro donato verrà moltiplicato per quattro grazie alla generosità di Barilla, Chiesi e Fondazione Cariparma. Aderire al progetto vuol dire contribuire all’acquisto e alla manutenzione di mezzi di trasporto, destinati agli spostamenti quotidiani di disabili, anziani e persone in cura. La campagna è organizzata e coordinata da Forum Solidarietà e realizzata in collaborazione con Munus Comitato per la Fondazione di Comunità di Parma, Consorzio di Solidarietà sociale e Forum del Terzo settore Emilia Romagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Spettacoli teatrali, arte e mercatini...di Natale: week end ricchissimo

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

Torna su
ParmaToday è in caricamento