Corruzione, Green Money 2: tutti gli arrestati sono liberi

Non sono sottoposti a provvedimenti restrittivi gli imputati di una delle operazioni contro le tangenti che hanno sconvolto la città: libero anche l'ex assessore Giovanni Bernini

Inchiesta Green Money 2

E' stata una delle maxi inchieste che hanno sconvolto la città di Parma e la sua classe politica, una di quelle che hanno scoperchiato la tangentopoli parmigiana. Da oggi tutti gli arrestati di Green Money 2, imprenditori, politici e funzionari comunali, sono liberi e trascorreranno le festività natalizie a casa. Qualcuno ha dovuto aspettare più a lungo, per altri invece le porte del carcere si sono aperte prima, ad altri sono stati revocati gli arresti domiciliari.

Non sono più sottoposti a nessun provvedimento restrittivo Giovanni Maria Jacobazzi (già scarcerato), Carlo Iacovini Manuele Moruzzi, Mauro Bertoli, Ernesto Balisciano, Gian Vittorio Andreaus e Tommaso Mori, Gianluca Facini, Norberto Mangiarotti, Alessandro Forni e Giuseppe Romeo Lupacchini. L'assesssore Giovanni Paolo Bernini, arrestato nell'ambito dell'inchiesta Easy Money per la vicenda delle tangenti negli appalti per le mense scolastiche è in stato di libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento