Tangentopoli parmigiana: l'assessore Sommi lascia la barca di Vignali

Il delegato alla Cultura si è dimesso: "Non voglio confondermi neanche lontanamente con quello che sta succedendo". L'assessore alla Sicurezza, Fecci, in una nota: "Non lascio per stare vicino ai vigili urbani"

Il terremoto che sta scuotendo l'amministrazione cittadina, dopo gli undici arresti di venerdì scorso, comincia a rendere visibili i danni di quello che è accaduto. Dopo il "Non me ne vado" del sindaco Vignali che più volte si è detto all'oscuro di tutto, l'assessore alla Cultura Luca Sommi ha rassegnato le propire dimissioni. "Non voglio confondermi neanche lontanamente con queste vicende - ha dichiarato ai cronisti. La mia decisione è irrevocabile".

"In considerazione della straordinaria gravità dei fatti emersi negli ultimi giorni - spiega Sommi - ritengo che non ci siano più le condizioni per lavorare serenamente con questa amministrazione, che pare segnata da una situazione fuori controllo". Al sindaco Vignali, Sommi invia il suo "grazie" per la possibilità che gli ha concesso negli ultimi quattro anni, ma anche una considerazione amara: "Un leader non può dire di non sapere o di essere così ingenuo da non essersi accorto di nulla. Un leader non può essere ingenuo, anche se io credo personalmente alla buona fede del sindaco".

L'assessore dimissionario ha anche spiegato le ragioni personali che lo hanno indotto a dimettersi: "Mi è mancata la terra sotto i piedi quando ho letto sul giornale quello che è accaduto venerdì scorso. Il mio assessorato e la mia persona non sono minimamente coinvolti nella vicenda, ma credo che in casi come questi serva dare un segnale morale, etico e politico. Ritengo che la situazione sia fuori controllo e voglio prendere le distanze".

Mentre la riunione del Pdl non ha portato ad alcuna decisione se non quella di continuare a sostenere la posizione del sindaco, da più parti - all'interno della maggiornaza - circolano voci di altre defezioni. Infatti, già nella giornata di oggi, altri assessori potrebbero lasciare la barca di Vignali che non sembra più tenere nè a livello politico nè a livello amministrativo. L'assessore al Commercio, Paolo Zoni, potrebbe essere il prossimo dimissionario, anche in considerazione della sua richiesta, inevasa, di rimuovere il direttore generale Frateschi.

COMUNICATO DELL'ASSESSORE ALLA SICUREZZA, FABIO FECCI
L’assessore alla Sicurezza Fabio Fecci: “L’iter  giudiziario deve fare il suo corso ed è interesse collettivo che ove vi siano cose poco chiare la Magistratura faccia luce sui fatti. Non entro nel merito della vicenda perché non ho nessun elemento per poterlo fare ma è competenza dei Tribunali accertare i fatti. Non vi è dubbio che sia interesse comune che l’Amministrazione abbia un atteggiamento assolutamente collaborativo nella ricerca della verità.

Penalizzato da questa vicenda, qualunque ne sia l’esito, è anche il Corpo della Polizia Municipale. Per questo motivo già da venerdì ho incontrato i vertici del Corpo per ridefinire le strategie organizzative e operative, per dare continuità alle attività del servizio, nell’interesse dei cittadini. Il mio compito ora è essere vicino ai tanti agenti che svolgono con diligenza e dedizione il loro lavoro ed impedire uno scollamento con la cittadinanza.

Tutto questo per evitare sia che si perda fiducia nel Corpo della Polizia Municipale sia che a quest’ultimo vengano meno quelle motivazioni che devono stare alla base di ogni condotta lavorativa, con pericolose ripercussioni nelle attività di istituto e con conseguenti ricadute sulla sicurezza dei cittadini. Mi riservo ovviamente di fare tutte le opportune valutazioni di tipo politico, dopo che verrà superata questa prima fase che ritengo assolutamente prioritaria”.

TUTTI GLI ARTICOLI SULLA VICENDA

TANGENTI: IN MANETTE 11 PERSONE
E' BUFERA SUL COMUNE

L'OPPOSIZIONE: "VIGNALI DIMETTITI" - IL SINDACO: "NON ME NE VADO"
IREN: "TUTELEREMO LA NOSTRA IMMAGINE"
I SINDACATI: "LA CITTA' SI RIBELLI"
GDF: "CON I SOLDI DEL COMUNE, JACOBAZZI SI RIFA' LA CASA AL MARE"
LA RIVOLTA DI PIAZZA

VIGNALI AZZERA I VERTICI MA NON SE NE VA
AL VIA GLI INTERROGATORI DI GARANZIA

SONDAGGIO PARMATODAY: IL SINDACO DEVE DIMETTERSI?

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Un uomo minaccia di lanciarsi dal viadotto: fermato all'altezza di Fontevivo

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

Torna su
ParmaToday è in caricamento