Spaccio di eroina nella sala slot frequentata da minorenni: il Questore la fa chiudere 

I poliziotti hanno eseguito la sospensione della licenza della sala giochi Royal Slot Cafè di via Bocchi

Spaccio all'interno di una sala slot in via Bocchi: il Questore di Parma ha decretato la chiusura dell'attività con la sospensione della licenza, anche considerando il fatto che, all'interno del locale, oltre alle slot machine, erano presenti anche altre tipologie di giochi, utilizzabili anche da minorenni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un'operazione dei carabinieri di Parma Oltretorrente, che aveva portato alla denuncia di un cliente e del proprietario della sala slot per spaccio di sostanze stupefacenti, con provvedimento adottato ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, il Questore ha sospeso la licenza della sala Royal Slot Cafè di via Bocchi per un periodo di quindici giorni. All'interno della sala slot erano stati trovate varie tipologie di sostanze stupefacenti, tra cui anche l'eroina, oltre ad attrezzi utilizzati per il taglio della droga. Il provvedimento è stato notificato ed eseguito da personale della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento