Fidenza, incontro tra sindaco e Prefetto: ''La presenza mafiosa? Non è una sorpresa"

In merito alla recentissima operazione “Aemilia”, che ha visto decine di arresti di persone legate alla 'Ndrangheta, il Prefetto ha spiegato che “la presenza mafiosa sul territorio non è una sorpresa, sono state diverse le interdittive antimafia emesse dalla Prefettura

E' stato un incontro proficuo quello che si è svolto stamani tra il sindaco di Fidenza Andrea Massari e il neo Prefetto di Parma, Giuseppe Forlani, accompagnato dal Comandante della Compagnia Carabinieri di Fidenza, Capitano Lorenzo Caruso, per la tappa fidentina degli incontri che il Prefetto ha fissato per conoscere i sindaci e i Comuni del territorio. In oltre un'ora di cordiale colloquio, il sindaco e il Prefetto hanno affrontato i temi più attuali: sicurezza, legalità, immigrazione.

“Ho trovato nel nuovo Prefetto un uomo dello Stato disponibile e attento al lavoro dei Sindaci, che in questo momento difficile sono impegnati in prima linea per fronteggiare emergenze come la legalità, la corruzione e la sicurezza: temi sui quali ho offerto al prefetto la nostra massima collaborazione per la tutela del territorio e dei cittadini. I fatti degli ultimi giorni dimostrano l'importanza di una radicale scelta di campo contro le mafie, come l'ingresso di Fidenza nella grande rete dei Comuni antimafia di Avviso Pubblico, che la nostra amministrazione ha deliberato sul finire del 2014”, ha detto il sindaco Andrea Massari. 

A maggior ragione il Sindaco ha “rappresentato al Prefetto la preoccupazione per gli eccessi registrati nel dibattito politico locale, in cui sono comparsi un linguaggio e delle affermazioni lontani dalla nostra cultura”. Massari, inoltre, si è soffermato “sullo stato di avanzamento dell'importantissima bonifica in corso alla ex Cip-Carbochimica, apprezzando un interessamento niente affatto formale del Prefetto Forlani, anche in merito alla concreta possibilità che Fidenza sia la prima città in Italia a completare la bonifica di uno dei siti super inquinati mappati dal Governo”. Infine, il sindaco ha consegnato al Prefetto una serie di importanti pubblicazioni “che illustrano la storia secolare della nostra città e dei suoi tesori, quali la Cattedrale e il Teatro Magnani”.

“Ritengo molto importante recarmi sui territori per incontrare gli Amministratori. Un esercizio che occorre per conoscere i temi che affrontano i Comuni e che continuerà anche in altre sedi. A livello di Distretto, l'incontro di oggi col sindaco Massari è stato utile anche per confrontarci su vari argomenti tra cui quello della sicurezza urbana e delle strategie di prevenzione contro la criminalità organizzata”, ha spiegato il Prefetto Giuseppe Forlani.

In merito alla recentissima operazione “Aemilia”, che ha visto decine di arresti di persone legate alla 'Ndrangheta, il Prefetto ha spiegato che “la presenza mafiosa sul territorio non è una sorpresa, sono state diverse le interdittive antimafia emesse dalla Prefettura negli anni scorsi. Continua il nostro lavoro di approfondimento, volto a potenziare l'attività informativa che può essere utilizzata con tutti gli strumenti di prevenzione, che fanno capo al Prefetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento