Frane e smottamenti, altre strade chiuse in provincia. Iniziano i lavori per la Sp di Anzola

Le piogge dei giorni scorsi hanno lasciato segni pesanti sulla viabilità provinciale, soprattutto in montagna dove si continuano a verificare smottamenti e erosioni della carreggiata

Le piogge dei giorni scorsi hanno lasciato segni pesanti sulla viabilità provinciale, soprattutto in montagna dove si continuano a verificare smottamenti e erosioni della carreggiata. E’ il caso della sp 19 del Manubiola, da qualche giorno a senso unico alternato al km 2+500, e ora, in conseguenza di un frana che ha coinvolto il piano stradale, chiusa anche al traffico pesante dal bivio di Ghiare al bivio con la provinciale 523r. 
Chiusa ai mezzi pesanti anche la sp 42 “del Mozzola” da Varsi al bivio con la sp 112  del Pessola.

La Provincia ha inoltre emesso un’altra ordinanza per la sp 80 di Scurano, dove è stato istituito il senso unico alternato e divieto di transito ai mezzi pesanti a causa di un movimento franoso con indebolimento del corpo stradale al km 13+700 in località Ruzzano nel comune di Palanzano.
Buone notizie invece per la provinciale 81 di Anzola: da domani mattina inizieranno i lavori, verranno rimosse le rocce pericolanti e installate delle reti a protezione della strada. L’intervento, che ha un costo complessivo di 40mila euro (fondi regionali) sarà eseguito in una ventina di giorni. Oltre alla 81 sono quattro le provinciali chiuse: la sp 54, la sp 33 di Gramignazzo con la chiusura del ponte al quale si sta lavorando per rafforzare la pila danneggiata la sp 65 di Schia, la sp 15 di Calestano fra Riva dei Preti e Chiastre

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Senegalese trova un Rolex e lo porta ai carabinieri: il proprietario lo assume nella sua azienda

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Caso Pesci, parlano i testimoni dell'accusa: "La ragazza stava malissimo, era piena di lividi ed abrasioni"

  • Blitz contro l'Ndrangheta nel parmense: sequestrati 9 milioni di euro di beni a due imprenditori

Torna su
ParmaToday è in caricamento