Frode fiscale per 1,5 milioni di euro nel settore della plastica: coinvolta anche Parma

L'indagine, che ha portato alla denuncia di cinque persone, è stata condotta dalla Guardia di Finanza di Novara

E' coinvolta anche la città di Parma nell'inchiesta della Guardia di Finanza di Novara che ha portato alla denuncia di cinque persone per false comunicazioni sociali, mendacio bancario e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Secondo l'accusa la frode fiscale che sarebbe stata portata avanti da alcune aziende del settore della plastica ammonterebbe a circa 1,5 milioni di euro: le indagini, oltre a Parma e a Novara, hanno interessato anche Reggio Emilia, Napoli, Alessandria, Varese, Como, Mantova e Brescia. La Finanza ha ricostruito il meccanismo che sarebbe stato attuato: i bilanci sarebbero stati modificati, alcune fatture false ed oltre a ciò ci sarebbe anche stata la contabilizzazione di componenti positivi di redditi non corrispondenti al vero: i vantaggi si sarebbero tradotti in un'imposta sul valore aggiunto detratta in modo non regolare per 4.5 milioni di euro. 

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i rimedi naturali per allontanarle da casa

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l'ambiente

  • 'Io accolgo': il flash mob con le coperte termiche al Regio

  • I benefici di avere un animale domestico in casa, anche per i bambini

I più letti della settimana

  • Terrore a Traversetolo, autobus a zig zag: i passeggeri evitano la tragedia

  • Respiccio di Fornovo: 53enne muore mentre spegne un incendio

  • Tutte le tortellate di San Giovanni a Parma e provincia

  • Choc in Pilotta, violenza sessuale contro una ventenne: arrestato 28enne pachistano

  • Autobus impazzito a Traversetolo: l'autista è stato sospeso dal servizio

  • L'ombra delle corse clandestine dietro l'incidente a Traversetolo: "Sfrecciavano una attaccata all'altra"

Torna su
ParmaToday è in caricamento