Distrutte le gabbie usate per catturare e uccidere le nutrie

Due gabbie, fornite dalla Provincia agli agricoltori nell'ambito del piano regionale per il controllo delle nutrie, sono state danneggiate a Beneceto, in strada Viazza

Due gabbie posizionate a Beneceto, in strada Viazza, sono state trovate distrutte e inutilizzabili dagli agricoltori che si trovano in zona. Nei giorni scorsi infatti alcuni contadini si sono accorti che le due gabbie, fornite gratuitamente dalla Provincia di Parma nell'ambito del piano regionale attivo per il controllo delle nutrie, sono state danneggiate tanto da renderle inutilizzabili. I danneggiamenti sono stati di natura dolosa. La Provincia di Parma è l'Ente responsabile per la cattura e l'uccisione delle nutrie, secondo il piano stabilito a livello regionale. La legge infatti considera la nutria un animale infestante, che provoca danni alle produzioni agricole e mette a rischio la tenuta delle arginature dei corsi d'acqua. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Chiunque le abbia danneggiate, spero che si trovi due metri di acqua in casa.....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Io, pestato a sangue, il mio pomeriggio d'inferno sul campo"

  • Cronaca

    In bus senza biglietto minaccia il controllore: giovane denunciato

  • Sport

    Lucarelli sprona il Parma: “Non siamo ancora salvi”

  • Cronaca

    Ciaspolatori salvati dal Soccorso Alpino: cane ferito ad una zampa

I più letti della settimana

  • "Hanno sparato ed ucciso Moon e Shadow, i miei due lupi cecoslovacchi"

  • Choc in campo, calciatore del Sala Baganza preso a testate e pugni: naso e denti rotti

  • Casa Pound porta Pizzarotti ed il Comune in Tribunale, il sindaco: "Balbo, t'è pasè l'Atlantic ma miga la Pèrma"

  • Lupi cecoslovacchi uccisi a fucilate: denunciato un 67enne

  • Falsi 'Prosciutto di Parma Dop' e 'Coppa di Parma Igp': sequestri per 16 quintali

  • Amministratore di condominio ruba i soldi dai conti correnti degli inquilini: sequestri per 40 mila euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento