Distrutte le gabbie usate per catturare e uccidere le nutrie

Due gabbie, fornite dalla Provincia agli agricoltori nell'ambito del piano regionale per il controllo delle nutrie, sono state danneggiate a Beneceto, in strada Viazza

Due gabbie posizionate a Beneceto, in strada Viazza, sono state trovate distrutte e inutilizzabili dagli agricoltori che si trovano in zona. Nei giorni scorsi infatti alcuni contadini si sono accorti che le due gabbie, fornite gratuitamente dalla Provincia di Parma nell'ambito del piano regionale attivo per il controllo delle nutrie, sono state danneggiate tanto da renderle inutilizzabili. I danneggiamenti sono stati di natura dolosa. La Provincia di Parma è l'Ente responsabile per la cattura e l'uccisione delle nutrie, secondo il piano stabilito a livello regionale. La legge infatti considera la nutria un animale infestante, che provoca danni alle produzioni agricole e mette a rischio la tenuta delle arginature dei corsi d'acqua. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Chiunque le abbia danneggiate, spero che si trovi due metri di acqua in casa.....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Massacrata e minacciata per anni dal mio ex: adesso ho paura ad uscire di casa"

  • Cronaca

    Raid al parco Ducale, trovata e sequestrata droga: denunciati due pusher

  • Sport

    Vigilia contro il Milan, D'Aversa: "Bisogna andare oltre"

  • Politica

    Tagli alle pensioni per 28 mila parmensi? Pizzarotti: "Governo doveva abolire la povertà, abolisce la crescita"

I più letti della settimana

  • Tigotà apre a Parma lo store più grande della città

  • Bimba di 10 mesi muore nel sonno a Colorno: abitazione sotto sequestro

  • Poste non paga gli interessi di un buono di 34 anni fa: nonna e nipote risarciti

  • Lascia il figlio di 3 anni solo in casa per andare a firmare in Caserma, lui scappa in strada: 42enne denunciato

  • Primo prelievo multi organo a cuore fermo: lavoro di squadra tra Parma, Reggio e Modena

  • Tagli all'accoglienza: 21 euro a migrante ma Parma se ne frega e prepara mille posti

Torna su
ParmaToday è in caricamento