Rifiuti, M5s verso una società controllata dal pubblico: depositata la mozione..

Il capogruppo M5s in Consiglio comunale ha presentato una mozione -che verrà discussa nella seduta del 30 giugno - che contiene anche la richiesta fatta ad Atesir per riconoscere il sub-ambito del Comune di Parma per la prossima gara di affidamento rifiuti

Marco Bosi, capogruppo M5s in Consiglio comunale ha presentato una mozione -che verrà discussa nella seduta del 30 giugno - che contiene la richiesta fatta ad Atesir per riconoscere il sub-ambito del Comune di Parma per la prossima gara di affidamento rifiuti. L'idea della maggioranza è andare verso una società controllata direttamente dal pubblico con un affidamento in-house. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ho depositato la mozione che verrà discussa in Consiglio il prossimo 30 giugno -scrive Marco Bosi-  per sollecitare alla giunta la richiesta ad Atersir del riconoscimento del sub-ambito Comune di Parma per la prossima gara di affidamento rifiuti, nonché uno studio di fattibilità per la convenienza economica a procedere verso un affidamento in-house. Rispettiamo la scelta degli altri comuni della provincia che va verso una completa esternalizzazione del servizio, ma riteniamo che ora come mai prima esistano le condizioni e la convenienza per procedere verso una società controllata direttamente dal pubblico che faccia della qualità del servizio reso ai cittadini l'unico suo obiettivo, garantendo in questo modo anche una separazione tra chi gestisce lo smaltimento e chi invece si preoccupa di massimizzare il riciclo. Un percorso virtuoso che vede esempi di assoluta eccellenza in Italia come lo è Contarina in Veneto su una via che stanno seguendo anche altri comuni della nostra regione, Forlì in primis. Il progetto che ha portato alla creazione di Iren ha rivelato tutti i suoi limiti, rendendo di fatto, quella che era una municipalizzata radicata nel territorio una società per azioni il cui obiettivo prioritario non può essere che quello del profitto. Oggi ci sono le condizioni normative ed economiche per voltare pagina e confido che anche in questa occasione vi potrà essere la piena condivisione del consiglio comunale" . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento