Giovani aggredite in centro: una di loro mette in fuga i rapinatori con le mosse di karate

E' successo in pieno giorno vicino a via Farini: la ragazza, cintura nera di karate, ha allontanato i due giovani che avevano rapinato il cellulare al padre

Ha utilizzato le sue abilità nelle arti marziali per far scappare due giovani che avevano appena sottratto il telefono cellulare a suo padre e che, poco prima, avevano molestate lei e le sue amiche. E' successo in pieno centro a Parma, in una trasversale di via Farini. Due ragazze si erano fermate per cercare di recuperare un gattino che era finito sotto la pedana di un bar. Ad un certo punto due giovani in bicicletta, visibilmente ubriachi, si sono fermati davanti alle due giovani ed hanno iniziato ad infastidirle. Prima hanno chiesto una sigaretta, poi sono rimasti lì davanti con atteggiamenti e richieste insistenti. Le due hanno cercato di svicolare: quando è arrivato il padre di una di loro i due giovani lo hanno rapinato del cellulare. La figlia, cintura nera di karate, a quel punto ha riempito di schiaffi uno dei due rapinatori mentre l'altra avvisava la polizia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento