'Diamo la parola ai figli': un gruppo di parola per figli di separati

Iniziativa dedicata ai bambini dai 6 a 11 anni e sino ai 16 anni, nell'intento di creare uno spazio comune di condivisione alla pari per esternare le difficoltà vissute nella fase di separazione dei genitori

E' incentrata sulla necessità di esternare le preoccupazioni e il disagio interiore del bambino che vive la separazione dei genitori l'iniziativa dei gruppi di parola organizzata dal Centro per le Famiglie. Tra le necessità riscontrate proprio quella di parlare con qualcuno di argomenti a volte tabu come preoccupazioni, paure o sensi di colpa. "Sono tanti i bambini che a scuola evidenziano problemi di attenzione, di concentrazione. A volte osserviamo la manifestazione di comportamenti aggressivi o ansiosi, di disturbi psicosomatici (dal mal di pancia al mal di testa).

Ci sono bambini e ragazzi che rimangono sospesi al prima della separazione e non riescono ad accettare la realtà. Possono mettere in atto un adattamento, che in realtà può essere solo apparente. Il dolore rimosso, negato o nascosto può infatti riemergere all’improvviso in momenti topici dello sviluppo, anche nel passaggio alla vita adulta". Per fornire un aiuto ai bambini che vivono un rapporto difficile di genitori in via di separazione o già separati nasce il gruppo di parola per bambini tra 6 e 11 anni e per i ragazzi tra 11 e i 16 anni.

L'intento degli organizzatori è quello di dare vita a uno spazio in cui il bambino si trova a condividere con altre persone paure comuni e ha per questo meno remore a esternare ciò che ha dentro, provando un minor senso di solitudine proprio dato dal fatto di trovarsi con altre persone che vivono la sua stessa situazione. Trovare strategie per accettare la situazione e adattarsi al cambiamento sarà uno dei passi possibili proprio attraverso una percezione di sicurezza e protezione data dall'esperienza del gruppo di parola, sostengono gli organizzatori del progetto.

Gli incontri settimanali, condotti dalla psicologa Silvia Levati,  richiedono il consenso di entrambi i genitori per la partecipazione dei figli e si terranno di pomeriggio due ore alla volta nella sede del centro per le Famiglie del Comune di Parma in Borgo San Giuseppe 32. Per l'ultimo degli incontri i genitori saranno invitati ad ascoltare quanto condiviso nei gruppi di parola. Per ulteriori informazioni e per chiedere un colloquio preliminare è possibile contattare lo 0521-235693-386056. "Dare parola ai figli significa metterli in una posizione di soggetti attivi, permettendogli di diventare consapevoli dei propri bisogni, dare un nome a quello che provano, liberarsi delle preoccupazioni che tengono occupata la loro mente, prendere distanza dal conflitto, riaprire la comunicazione coi genitori e portare in salvo la fiducia nei legami".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

Torna su
ParmaToday è in caricamento