Guida senza assicurazione, causa un incidente e si inventa un furto: denunciato 32enne

E' successo a Fidenza: il giovane sperava così di evitare una pesante multa e il sequestro del mezzo

Ha causato un incidente con la sua auto, che guidava senza assicurazione, e poi ha simulato un furto, sperando di risolvere così la situazione e di non andare incontro ad una pesante multa e al sequestro del veicolo. L'episodio è avvenuto nei giorni scorsi a Fidenza: il protagonista di questa vicenda è un cittadino albanese di 32 anni. Da tempo ormai viaggiava a bordo della sua auto, senza assicurazione. Dopo aver causato un incidente però si è reso conto del rischio e ai carabinieri, che lo hanno individuato, ha detto che la sua auto gli era stata rubata. Ha denunciato il furto ma i militari hanno approfondito il caso ed hanno scoperto che il 32enne si era inventato tutto. A quel punto ha ammesso le sue responsabilità ed è stato denunciato per simulazione di reato, oltre ovviamente alla multa e al sequestro del mezzo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rubano alcolici in un negozio e tornano qualche ora dopo, poi picchiano l'addetto alla sicurezza: due arresti

  • Cronaca

    Droga, Marco Botti patteggia 2 anni e 8 mesi

  • Cronaca

    False fatturazioni per 10 milioni di euro, coinvolte aziende di Parma: denunciato un 45enne

  • Sport

    Parma, perché? D'Aversa deve fare lo psicologo

I più letti della settimana

  • Chiude la clinica dentistica Ideasorriso, la denuncia: "Pazienti con interventi non conclusi e finanziamenti senza prestazione"

  • Bimbo di 4 anni vaga in via d'Azeglio, la madre l'aveva lasciato ad un'amica per andare a far spesa: 31enne denunciata

  • Si schianta in bici contro il bus: dottoressa 26enne gravissima

  • Donato Mele: il disoccupato con la vita da Nababbo

  • In Italia ha 5 mesi di vita, una speranza in Texas, l'appello dei figli: "Aiutateci a salvarla"

  • Casello di Parma chiuso fino al 25 marzo

Torna su
ParmaToday è in caricamento