Immigrazione: sedici espulsioni in un mese

Gli ultimi sei immigrati irregolari sono stati espulsi nell'ultima settimana

Sono state ben sedici le espulsioni messe in atto dalla Questura di Parma nei confronti di altrettanti immigrati presenti sul territorio italiano senza documenti in regola e con precedenti penali. Il dispositivo messo in atto dai poliziotti nella nostra città ed il coordinamento con l'Ufficio Immigrazione hanno portato all'esecuzione dei provvedimenti. Il periodo di riferimento va dal 15 maggio al 7 giugno: sei immigrati sono stati respinti con accompagnamento coatto alla frontiera, cinque tramite le reclusione in un Centro per la Permanenza e il Rimpatrio, altri cinque invece hanno invece ricevuto l'ordine di espulsione dal Questore di Parma. Nell'ultima settimana ci sono state sei espulsioni: un albanese pluripregiudicato di 27 anni è stato messo su un volo all'aeroporto di Bologna e rimpatriato forzatamente, un tunisino di 35 anni è stato accompagnato nel Cpr di Ponte Galeria a Roma mentre un ivoriano di 50 anni, sempre con precedenti alle spalle, è stato portato nel Cpr di Potenza. Un egiziano di 43 anni, condannato per omicidio, è stato portato nel Cpr di Bari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento