Inceneritore, Laguardia ricorre in Cassazione. Filone della corruzione

Bocciato il sequestro del cantiere dal Tribunale del Riesame il procuratore lunedì presenterà il ricorso in Cassazione. Si segue il filone della corruzione ma Moruzzi "è indagato solo per peculato"

Continua la querelle inceneritore. Dopo il no del Tribunale del Riesame al sequestro del cantiere dell'inceneritore il procuratore Laguardia prova l'ultima chance. Stamattina ha dichiarato che intende procedere al ricorso in Cassazione. Ciò non pregiudica il proseguimento dei lavori, ma come spiega il procuratore "comporterà l'allargamento delle indagini al filone della corruzione". "Attualmente - sottolinea Laguardia - Moruzzi non è indagato per corruzione, ma solo per peculato. Abbiamo però rilevato delle contraddittorietà in merito al permesso per costruire il termovalorizzatore. Oltre a questa motivazione c'è il fatto che non sia stata considerata la pericolosità dell'impianto". Intanto, ormai a giochi fatti con il cantiere che verrà probabilmente avviato il mese prossimo, rimane confermata la fiaccolata contro l'inceneritore indetta per la giornata di domani, 15 dicembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizzarotti furioso: "Non è una gara a chi è più stupido"

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento