Inceneritore | Gcr: 'Stop da 4 giorni, il porta a porta è un cecchino infallibile'

Aldo Caffagnini sul suo blog Sporco Diario afferma che la linea 1 dell'inceneritore di Parma sarebbe stata messa in fermata il 18 maggio mentre la linea 2 era già spenta dal 4 maggio. "L'inceneritore - scrive Caffagnini- procede con pause di riflessione sempre più intense e prolungate"

Aldo Caffagnini sul suo blog Sporco Diario afferma che la linea 1 dell'inceneritore di Parma sarebbe stata messa in fermata il 18 maggio mentre la linea 2 era già spenta dal 4 maggio. "L'inceneritore - scrive Caffagnini- procede con pause di riflessione sempre più intense e prolungate". 

LA NOTA DI ALDO CAFFAGNINI - "La linea 2 era già stata spenta il 4 maggio, 18 giorni fa, ma il 18 maggio anche la linea 1 è stata messa in fermata e la situazione dura ormai da 4 giorni. E' il languore di rifiuti che sta diventando vera e propria fame? Il camino a singhiozzo, forse un unicum nel panorama italiano degli inceneritori, continua nel suo incerto procedere, con pause di riflessione sempre più intense e prolungate. La vorace fornace, affetta da famelica necessità di rifiuti da bruciare, non trova sfogo nel sistema di raccolta impostato a Parma dal Movimento 5 Stelle e dall'assessore all'ambiente Folli, irrisoluti portatori sani del porta a porta, che a regime riduce drasticamente la necessità di queste macchine infernali che sparano in aria centinaia di migliaia di metri cubi di aria sporca ogni ora. Così a Ugozzolo la fossa del residuo è sempre più vuota e visto l'avanzare della differenziata porta a porta in tutto il territorio di Parma e Provincia, non si profilano radiosi futuri ricchi di sacchi neri da attizzare. L'inceneritore di Parma è grande almeno il doppio delle previsioni elaborate nel 2005, ma oggi risulta oltremodo ipertrofico rispetto ai piccoli numeri che rimangono dopo il tornado porta a porta. Il gestore risponderà a questo nuovo stop con le questione tecniche, la manutenzione, il controllo. Ma il problema rimane l'organizzazione della raccolta degli scarti, che con il sistema domiciliare va contro come concezione stessa ad ogni tipo di smaltimento, discarica o inceneritore che sia. E non potrà che peggiorare, per il forno. Il sistema porta a porta ha altre frecce al suo arco. L'obiettivo ora va oltre i numeri ormai alla portata (80%) e sposta la sua attenzione sul rifiuto residuo, che rappresenta ancora un terreno fertile di caccia per il sistema. Si tratta di ampliare i materiali oggetto di riciclo e di ridurre gli stessi nell'ormai limitato recinto dell'indifferenziato. Ad esempio si può lavorare sui pannolini, che ancora rappresentano un problema di non facile gestione, ma che oggi con l'avanzare della tecnologia trovano varchi virtuosi di risoluzione. L'adozione di pannolini lavabili nei nidi darebbe una scossa ai numeri, sia quelli della montagna di usa e getta che sparirebbe, sia per l'impatto ambientale drasticamente ridotto, sia per il risparmio economico per le casse comunali. Questo è solo un esempio delle ulteriori mosse che il sistema porta a porta può implementare. Il Pap è un raffinato cecchino che non sbaglia un colpo, e in questo caso nel mirino cadrebbero vittima l'inquinamento e lo spreco, a favore di salute, risparmio e consapevolezza".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ohhh , bentornati, finalmente in soccorso degli amministatori di questa città. Qualcuno di voi sa quanto materiale viene effettivamente riutilizzato, forzosamente separato? Il cecchino pap è ,lo stesso che rende invalidi gli spazzini? (e io pago) Ci potreste spiegare che fine a fatto la gloriosa societyà di Vedelago?

Notizie di oggi

  • Attualità

    Sangue sulle strade: incidenti mortali raddoppiati nel 2018

  • Incidenti stradali

    Auto esce di strada a Poggio Sant'Ilario: due feriti gravi

  • Cronaca

    Delitto di Natale, condanna di Alessio Turco a 20 anni: "Educato dal padre alla violenza"

  • Sport

    Udinese-Parma 1-2| Inglese&Gervinho, coppia che delizia

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto di 4.6 a Ravenna: sentita anche a Parma

  • Visita a sorpresa: la Gregoraci al Gabbiano

  • Lavoro nero e cibo mal conservato: chiuso un bar in centro

  • Patenti false e matrimoni combinati, stroncata banda italo-dominicana: in azione anche a Parma

  • Follia al campionato Juniores: rissa tra genitori tra insulti e spinte

  • Parma, spunta il nome di Diabaté

Torna su
ParmaToday è in caricamento