Cacciatore 30enne muore colpito da una fucilata di rimbalzo

La tragedia è avvenuta a Pellegrino Parmense: Mattia Valdi sarebbe morto dissanguato

A Pellegrino Parmense, nella località Case dei Manini, si è verificata una tragedia. Nei pressi della fondovalle Stirone, un ragazzo di trent'anni, Mattia Valdi, durante una battuta di caccia è stato colpito da una fucilata. Ancora incerta la dinamica, il ragazzo non era solo. Si pensa che a sparare sia stato un un compagno durante una battuta di caccia al cinghiale. Sul posto l'elisoccorso e l'ambulanza che non sono riusciti a fare nulla per la gravità delle condizioni in cui è stato trovato il giovane di 31 anni, morto sul colpo. Sul posto anche i carabinieri di Pellegrino Parmese che dovranno far luce sull'episodio. Secondo le prime informazioni il giovaane sarebbe morto dissanguato sul posto. Le armi degli altri componenti della squadra di caccia sono state sequestrate ma gli inquirenti hanno escluso qualsiasi pista diversa da quella dell'incidente. Il giovane, secondo le prime informazioni, sarebbe stato colpito all'arteria femorale, colpo che sarebbe stato fatale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: scuole chiuse a Parma e in tutta la regione fino al 1 marzo

  • Precipita da una ferrata: durante un'escursione: muore 33enne parmigiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento