Terrore in via Trento: schianto choc tra due auto che sfrecciavano a 130 chilometri all'ora

Tragedia sfiorata: una delle due auto ha sfiorato i pedoni che stavano aspettando l'autobus alla fermata

"Due auto sfrecciano davanti ai miei occhi ai 130 chilometri orari: sembra un regolamento di conti perché le macchine continuano a scontrarsi esattamente come quegli inseguimenti che si vedono nei film, una delle due macchine colpita finisce nell'altra corsia, prende contro al marciapiede esattamente davanti alla fermata dell'autobus dove attendono una quindicina di persone".

E' questa la testimonianza choc di Sara su Facebook, cha ha assistito all'incredibile episodio, avvenuto in via Trento oggi, venerdì 20 dicembre, verso mezzogiorno. Oltre alle sue parole ha pubblicato anche alcune immagini di una delle due auto, quella finita contro il marciapiede, a due passi dai pedoni. La corsa dell'auto è stata fermata da un autobus in arrivo, che ha impedito che il mezzo finisse contro i pedoni che stavano aspettando alla fermata. I poliziotti sarebbe arrivati sul posto ed avrebbero fermato il conducente dell'auto incidentata, mentre la seconda auto sarebbe fuggita. Ora l'episodio verrà ricostruito per verificare le varie responsabilità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Torna su
ParmaToday è in caricamento