Giovane investito da un treno in stazione a Parma: grave al Maggiore

L'episodio è avvenuto alle 20.30 del 28 dicembre davanti ai tanti passeggeri in attesa del convoglio

Momenti di paura ieri sera alla stazione ferroviaria di Parma. Erano da poco passate le 20.30 quando un giovane è stato investito da un treno in transito allo scalo parmigiano: l'episodio è avvenuto davanti a decine di persone, passeggeri che stavano aspettando i treni. Il treno coinvolto è un regionale Bologna-Piacenza. Non è ancora chiara la dinamica: il ragazzo potrebbe essersi buttato spontaneamente sui binari per tentare il suicidio, oppure potrebbe essere stato un incidente. La polizia ferroviaria, che si è recata subito sul posto, sta cercando di ricostruire nel dettaglio l'accaduto. Il giovane è rimasto gravemente ferito ed è stato soccorso dalla Croce Rossa, trasportato al Pronto Soccorso con ferite gravi. Si trova attualmente nell'area rossi sotto osservazione medica. Diversi testimoni hanno assistito alla scena: "Un ragazzo - scrive un lettore - si è buttato sotto al treno in movimento prima che si fermasse alla stazione di Parma, il regionale che da Bologna arriva a Piacenza". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento