Vlada: da San Pietroburgo a Colorno una vita per l'arte

Vladislava Ivanovsakaia, la donna travolta ed uccisa da un furgone in via Emilia Est si era trasferita in Italia a 5 anni: dopo aver frequentato l'Istituto Toschi aveva iniziato la sua carriera di pittrice

Ivanovskaia Vladislava, vittima del tragico incidente di ieri mattina, venerdì 24 maggio, in via Emilia Est, è nata a San Pietroburgo il 5 settembre del 1978. Si è trasferita in Italia a cinque anni, ha frequentato l'Istituto Toschi: dopo aver vissuto a Colorno si era trasferita a Parma e viveva in strada Manara. Ecco il suo profilo artistico dalla pagina Vlada Artistic Painting 

Sin dai primi passi questa giovane pittrice si affaccia al mondo della pittura a San Pietroburgo non solamente come studio di grandi artisti ma anche come trasmissione su tela di emozioni e sensazioni ; proseguendo in Italia presso l'Istituto d'Arte Paolo Toschi a Parma dove acquisisce uno stile pittorico astratto comprendente, allora come tutt'oggi, la sua dimensione spirituale ed universale. I soggetti preferiti di Ivanovskaia sono principalmente figure femminili e paesaggi; le forme che crea non nascono da una paziente osservazione dei soggetti e della natura ma, piuttosto, da uno sguardo interno che percepisce quasi inconsciamente le linee che ci circondano e che guida la sua mano nel ricreare e reinventare forme presenti in natura. Nelle sue rappresentazioni le dimensioni, spazio e materia diventano un concetto, come lo spazio ed il tempo si trasformano in materia. Nelle sue tele, frutto di sue personali ricerche, dove il reale è solo lo spunto per le sue interpretazioni, mai banali, a dominare è l'equilibrio di forme e tinte ottimamente equilibrate. I suoi quadri spiccano per la scelta cromatica del blu, dove è metafora di spiritualità, trascendenza, del silenzio e della tranquillità. Vassily Kandinsky nei suoi scritti sul colore scrive : " l'azzurro è simile ad un flauto, il blu scuro assomiglia ad un violoncello e, diventando sempre più cupo, ai suoni meravigliosi del contrabbasso; nella sua forma profonda, solenne, il suono del blu è paragonabile ai toni gravi dell'organo". Le sue pennellate esprimono emozioni istantanee donando allo sguardo dello spettatore riferimenti simbolici in una restituzione allusiva dell'immagine tra gesto, segno, materia e colore. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Artigiano 35enne di Busseto stroncato da un malore in vacanza

  • "Quel medico ha cercato di infilarmi le mani sotto gli slip: ho rischiato di ferirmi con l'ago"

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Donna di 42 anni investita da un'auto in viale Mentana: gravissima al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento