Iren snellisce le strutture. Ma non gli stipendi degli amministratori

Nel 2013 l'assetto complessivo della multiutility cambierà in funzione della riduzione dei costi. Ma il Comune di Parma chiede anche di rivedere al ribasso i compensi di Presidente, vice Presidente e Cda

Iren Spa va verso una riorganizzazione gestionale, che diventerà operativa nel 2013. Un progetto di “governance” volto allo snellimento della struttura per ridurne i costi. Ne hanno parlato questa mattina, in un incontro, il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, l’assessore all’ambiente Gabriele Folli, l’attuale vice presidente di Iren Spa Luigi Giuseppe Villani e Cesare Beggi responsabile dei rapporti con i Comuni di Iren. Il progetto di revisione dell’assetto complessivo di Iren Spa è in fase di studio da parte di tre “saggi” in rappresentanza dei Comuni aderenti alla multiutility stessa.

Un lavoro che ha portato, principalmente, ad una proposta di snellimento al fine di ridurre apparati e strutture ritenute superflue, con una conseguente riduzione dei costi da parte della società stessa. In un periodo di “spending review” anche Iren Spa cerca, quindi, di adeguarsi. Uno sforzo apprezzato da parte dell’Amministrazione Comunale di Parma che però va oltre e suggerisce alcuni ritocchi al ribasso, per esempio, agli emolumenti percepiti da Presidente, Vice Presidente e componenti del Consiglio di Amministrazione della società in un’ottica secondo cui il buon esempio dovrebbe partire dai vertici.

Una prassi, questa, adottata dall’Amministrazione Comunale di Parma al proprio interno e che ha visto il primo cittadino ridursi lo stipendio del 10 %, così come il Vice Sindaco ed il Presidente del Consiglio. E sulla scorta di questo principio, il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, rivolge un accorato appello ai colleghi dei Comuni che fanno parte di Iren Spa affinché accolgano l’invito a rivedere al ribasso, anche sensibilmente, i compensi degli amministratori della multiutility, quale segno di buona volontà in un momento particolarmente critico per la società italiana.

"Fornire un pubblico servizio come acqua luce e gas -sottolinea il sindaco Pizzarotti significa impegnarsi in prima persona affinché gli utenti, molti dei quali sono sottoposti a forti stress economici, possano valutare in senso positivo tale atteggiamento, nella consapevolezza che attraverso uno sforzo comune sarà possibile affrontare il futuro con maggiore serenità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

  • Via Langhirano, pauroso frontale tra auto e camion nella notte: un ferito gravissimo

Torna su
ParmaToday è in caricamento