Lapide ai caduti della Rsi, sparito il marmo della discordia

Giallo sulla lapide che ha suscitato tante polemiche dal giorno della sua inaugurazione: dopo che era stata danneggiata era riapparsa ma ora il muro che la ospitava è vuoto, forse in seguito ad un ulteriore danneggiamento?

Il muro che ospitava la lapide

La lapide dedicata ai caduti della Repubblica Sociale Italiana non è più al suo posto al cimitero della Villetta. Il muro che la ospitava nella parte superiore è vuoto. Non c'è pace per il marmo che tante polemiche ha suscitato nei mesi scorsi, dopo l'inaugurazione in sordina in occasione della Festa della Repubblica del 2 giugno. Prima il gesto di disobbedienza civile di un ragazzo antifascista parmigiano che l'aveva rimossa in pieno giorno, poi il danneggiamento da parte di ignoti, che abbiamo documentato.

In seguito all'ultimo episodio la lapide era stata rimossa: dopo la riparazione del marmista era stata rimontata ed era tornata al suo posto. Ora invece la lapide non c'è più. Facendo approssimativamente i conti la lapide è rimasta montata, dopo l'ultimo episodio, non più di due settimane. Sia la lapide che l'iscrizione in riferimento al 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia ora non ci sono più. Forse in seguito ad un ulteriore danneggiamento la lapide è ancora in riparazione? Certo è che il marmo non ha avuto vita facile a Parma: prima le prese di posizione di diversi soggetti, dalle associazioni partigiane ai comitati antifascisti, poi i due episodi che ne hanno compromesso l'esposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

Torna su
ParmaToday è in caricamento