Ciclabile via Volturno: concluso il primo tratto ma disagi e pericoli

A seguito dello stop da parte della ditta appaltatrice a giugno, i lavori per la realizzazione della pista sono ripresi ma i residenti e i commercianti sono esasperati per disagi e pericoli

Disagi per pedoni e ciclisti in via Volturno

Sono ripresi da circa un mese i lavori per la realizzazione della pista ciclabile di via Volturno e una piccola parte di commercianti tira un sospiro di sollievo per non avere più davanti alla propria attività, strada e marciapiedi sventrati e la necessità di affiggere cartelli per indicare ai clienti che, nonostante tutto, la loro attività era aperta. I lavori per la realizzazione di quasi un chilometro di pista ciclabile, sono iniziati lo scorso aprile e si sarebbero dovuti concludere a ottobre ma, già a giugno il cantiere è stato bloccato per difficoltà da parte della ditta appaltatrice. Per evitare di indire una nuova gara d'appalto lasciando passare altri sei mesi, l'Amministrazione ha scelto di dare in mano i lavori a Global Service (ditte convenzionate con il Comune), rivedendo il progetto, rinviando  l'esproprio dei terreni e la realizzazione della rotonda davanti all'Ospedale.

Ora il primo tratto è terminato, anche se manca la divisione tra il passaggio pedonale e la pista ciclabile e, secondo alcuni residenti, non è molto diverso da come era in precedenza ad eccezione della presenza di nuovi pali della luce. Ma i disagi sono lungi dall'essere terminati, dato che gran parte della via è vincolata dal cantiere sul lato della pista. Problemi che riguardano soprattutto, ma non solo, i residenti e chi lavora presso attività commerciali: "Ci abbiamo rimesso molto, i clienti sono diminuiti notevolmente, per noi è un supplizio questo cantiere", lamenta la dipendente di un'attività commerciale nel primo tratto della via.

Non solo disagi ma pericoli. Basta fermarsi qualche minuto a osservare il viavai per notare come la maggior parte dei pedoni non segua le indicazioni di transito sul lato sinistro, ma costeggi il cantiere, esponendosi a rischi per il continuo passaggio di auto. Stesso comportamento da parte dei ciclisti. "Cosa dovremmo fare? - afferma un passante – Non si può stare a sinistra se devo prendere una di queste traverse, e per le bici non c'è spazio nel marciapiede di fronte, che è anche malconcio. E poi chi deve prendere l'autobus come fa? È incastrato tra i lavori, non si può fare diversamente. È una vergogna. Si spera che almeno ora che i lavori sono ripresi, finiscano al più presto, non se ne può più".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Parma, un positivo al covid: scatta il ritiro per la squadra

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Torna su
ParmaToday è in caricamento