Medici indagati per omicidio colposo: c'è anche un parmigiano

Il 53enne R.B. è tra i cinque sanitari del reparto di Oncologia di Mantova accusati anche di lesioni aggravate, falso in atto pubblico e violazione della privacy

C'è anche un parmigiano tra i cinque medici del reparto di Oncologia dell'ospedale Carlo Poma di Mantova tra i cinque indagati per vari reati, tra cui omocidio colposo, lesioni aggravate, di procedure diagnostiche errate, falso in atto pubblico e violazione della privacy dei pazienti. Si tratta del 53enne R.B.: oltre a lui altri quattro medici del reparto, tra i quali anche il primario. Il medico parmigiano, insieme ad un altro medico, è accusato della morte di Maria Clotilde Somenzi di Mantova mentre tutti e cinque i medici dovranno rispondere della morte di Arnaldo Ghidoni. L'indagine è partita nel 2015 dopo l'esposto presentato da due oncologhe che hanno segnalato il presunto utilizzo intensivo di pratice chemioterapiche locoregionali, che prevede la somministrazione di farmaci antineoplastici. La Procura sta analizzando le cartelle cliniche dei pazienti dal febbraio del 2014 fino al febbraio 2017. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Senegalese trova un Rolex e lo porta ai carabinieri: il proprietario lo assume nella sua azienda

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Caso Pesci, parlano i testimoni dell'accusa: "La ragazza stava malissimo, era piena di lividi ed abrasioni"

  • Blitz contro l'Ndrangheta nel parmense: sequestrati 9 milioni di euro di beni a due imprenditori

Torna su
ParmaToday è in caricamento