Allarme meningite a Busseto: due pazienti ricoverati a Vaio

Il direttore del Reparto di Neurologia Stefano Jann: "Non è necessaria nessuna profilassi"

Paura a Busseto per due casi di meningite che si sono verificati nei giorni scorsi: due pazienti adulti sono stati ricoverati nel reparto di Neurologia dell'Ospedale Di Vaio di Fidenza. I due casi sono di meningite a liquor limpido di origine virale. In questi giorni l’Amministrazione di Busseto ha mantenuto contatti diretti e costanti con la direzione dell’Ospedale per monitorare la situazione. “La situazione – hanno spiegato il sindaco Giancarlo Contini e l’assessore ai Servizi Sociali e Sanità Elisa Guareschi – è sotto controllo e costantemente monitorata dai medici, che ringraziamo per il loro impegno e per il lavoro svolto a favore della Comunità”. Il direttore del Reparto di Neurologia Stefano Jann ha precisato che la meningite da cui sono affetti i due adulti è benigna e non trasmissibile e legata al periodo delle infezioni virali. “Non è necessaria – ha aggiunto il medico – nessuna profilassi specifica e nessuna precauzione”. L’Amministrazione desidera pertanto rassicurare i cittadini, ribadendo che la situazione è monitorata e che la cittadinanza sarà immediatamente informata in caso di evoluzioni sui casi.

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Formiche, i rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

I più letti della settimana

  • Respiccio di Fornovo: 53enne muore mentre spegne un incendio

  • Ecco il nuovo Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • "Tornatevene in Africa! L'autista ha insultato quei due ragazzi solo perchè neri"

  • Incendio nel bagno, 14enne ustionato alle gambe: gravissimo al Maggiore

  • Aggredito e pestato a sangue dalla baby gang davanti al Battistero: 20enne in ospedale

Torna su
ParmaToday è in caricamento