"Mi hanno tirato un pugno in faccia per strapparmi la collana: ora non esco più di casa"

L'anziana che è stata aggredita qualche giorno fa in borgo Romagnosi: "Parlarne mi fa ancora male, sto cercando di dimenticare ma è difficile"

"Sono stata circondata ed aggredita da due sconosciuto, che avevano il viso coperto. Non ricordo che faccia avessero". La signora anziana che è stata aggredita qualche giorno fa in borgo Romagnosi è ancora scossa per quanto accadutole mentre tornava presso la sua abitazione. "Mi hanno strappato la collana dopo avermi tirato un pugno in faccia, mi hanno strattonata e sono caduta". La donna fa fatica a raccontare la vicenda perchè per lei è una ferita ancora aperta. "Ho denunciato tutto alla polizia ma ora non esco più di casa, sono ancora scossa per quanto accaduto. Sto cercando di dimenticare l'episodio e ritornare sull'argomento riapre delle ferite" chioso la signora che ha subito la violenza di due persone sconosciute che ora le forze dell'ordine stanno cercando. Sono molti i residenti ed i commercianti che hanno più volte denunciato la situazione di disagio e di scarsa sicurezza di questa zona, a due passi da via Mazzini. La scarsa illuminazione in alcuni punti non contribuisce certo a far sì che la gente si senta sicura. Nello stesso palazzo in cui vive la donna aggredita qualche giorno prima i ladri erano entrati, dopo aver forzato la porta, portandosi via oggetti in oro e gioielli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Bannone, pauroso frontale tra auto e furgone: tre feriti gravi

Torna su
ParmaToday è in caricamento