Felino, il nido La Rondine si rifà il look: ma priorità alla sicurezza

Il nido ospita 78 bambini di Felino e Sala Baganza. Il sindaco, Barbara Lori: "E’ fondamentale assicurare ai bambini, e alle loro famiglie, il giusto confort e la necessaria sicurezza"

Il nido La Rondine

Il nido intercomunale La Rondine di Felino ha riaperto il 5 Settembre sfoggiando un nuovo look. Per il rinnovamento di aule e aree di servizio dell’asilo non sono stati realizzati solo interventi di tipo estetico ma soprattutto lavori di messa in sicurezza. Le opere di miglioramento e di adeguamento antincendio della struttura situata in via Togliatti sono state coordinate dall’Ufficio Tecnico Comunale sotto l’indirizzo dell’Assessorato ai Lavori pubblici e dei Servizi educativi del Comune di Felino.

Il nido “La Rondine”, realizzato negli anni ‘80, ospita 78 bambini, residenti a Felino e a Sala Baganza mentre, nell’edificio collegato ha sede la scuola dell’infanzia di Felino che ospita 6 sezioni. Il nido intercomunale “La Rondine”  è attivo da settembre a luglio. Inoltre, nello stesso edificio trova sede anche il centro giochi “Mille Colori” che realizza attività per genitori e bambini.

Proprio per le diverse funzioni che rivestono, i nidi e le scuole dell’infanzia rappresentano per l’Amministrazione comunale di Felino una priorità.
"E’ fondamentale assicurare ai bambini, e alle loro famiglie, il giusto confort e la necessaria sicurezza e per questo ci impegniamo a rispondere alle esigenze di manutenzione e miglioramento delle strutture comunali. Per quanto riguarda l’asilo nido, le opere recentemente realizzate ammontano a un valore di circa 30mila euro (Iva esclusa), un investimento sicuramente cospicuo che ha però consentito di accogliere i bambini in un ambiente rinnovato e confortevole. Per quanto riguarda i lavori all’area della scuola dell’infanzia, la spesa complessiva è stata invece pari a 10mila euro (Iva esclusa)", spiega il sindaco Barbara Lori.

Sulla natura delle opere interviene invece l’assessore ai Lavori pubblici Maurizio Bertani: "Nella parte del nido, abbiamo lavorato soprattutto per migliorare le condizioni di sicurezza e le qualità estetiche di alcune aree, come l’atrio e la sezione lattanti, che contano complessivamente 120 metri di superficie. Qui le opere di manutenzione straordinaria hanno interessato il rifacimento del sottofondo e la posa di una nuova pavimentazione in pvc, che ha sostituito quella originale, ormai danneggiata da rigonfiamenti e cavillature. A completamento dei lavori sono state inoltre tinteggiate le pareti dell’atrio e completamente smontato e rinnovato il “giocone” collocato nell’atrio principale, da sempre molto amato e utilizzato dai bimbi". L’ altra parte di lavori riguarda invece l’adeguamento alla normativa antincendio dell’area del fabbricato adibito ai servizi della scuola dell’infanzia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre l’Assessore Bertani descrive i principali lavori effettuati: "E' stato realizzato un filtro antifumo tra la zona cucina e gli ambienti scolastici, le pareti del corridoio sono state rivestite da cartongesso REI 120 con caratteristiche antincendio e la trave collaborante in ferro posta lungo il corridoio di ingresso della scuola dell’infanzia è stata riverniciata con prodotti intumescenti. Sempre per migliorare le prestazioni antincendio dei locali, sono stati applicate nuove porte antincendio e sono stati sostituiti alcuni infissi e serramenti. Infine, sono stati aggiunti due nuovi idranti e sono state modificate le vie di esodo, secondo le prescrizioni di legge".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento