Non paga l'affitto, il proprietario organizza un raid punitivo per rubargli 800 euro: 4 arresti

Quattro uomini tra i 21 e i 39 anni, tra cui l'intestatario del contratto d'affitto e un collega di lavoro hanno aggredito in piazza Garibaldi a Soragna un 27enne prendedolo a pugni: "Se denunci ti ammazziamo". Il giovane è finito in ospedale con un trauma cranico

I carabinieri di Soragna in azione

Un vero e proprio raid punitivo, un'aggressione in piena regola alla luce del sole, nel pomeriggio del 27 maggio, in piazza Garibaldi a Soragna. Quattro uomini, tra cui l'intestatario del contratto d'affitto che aveva subappaltato una stanza alla vittima e un collega di lavoro hanno picchiato, con pugni e schiaffi, un 27enne che aveva un debito di circa mille euro. I carabinieri, grazie ad un'indagine lampo, hanno arrestato quattro uomini tra i 21 ed i 39 anni, che ora si trovano agli arresti domiciliari con le accuse di lesioni aggravate in concorso e rapina aggravata in concoso. 

Non paga il subaffitto: preso a pugni e schiaffi nella piazza centrale di Soragna

Il pestaggio è avvenuto alle 15.30 del pomeriggio, davanti alle numerose persone che si trovava nella piazza centrale del paese, in attesa di un concerto. Il raid è stato talmente veloce - è durato circa un minuto- che nessuno si è accorto di nulla. La vittima è stata soccorsa da alcune persone presenti in piazza ed è stato trasportato in ambulanza all'Ospedale Di Vaio di Fdienza: ha rimediato un trauma cranico e cinque giorni di prognosi. In un primo momento i quattro hanno cercato di rubare il Samsung Galaxi alla vittima, poi hanno deciso di prendergli il portafoglio; probabilmente sapevano che aveva dei soldi in tasca. Prima di andarsene hanno anche minacciato di morte il 27enne: "Se denunci di ammazziamo". 

Pestato dal proprietario e dal collega di lavoro: le indagini

Da subito i carabinieri di Soragna hanno avviato le indagini per cercare di ricostruire tutta la vicenda: dopo aver ascoltato la vittima in ospedale hanno visionato, come prima cosa, le immagini di una telecamera posizionata dal Comune di Soragna, nella piazza: la vittima ha riconosciuto le quattro persone che lo avevano appena aggredito: due le conosceva già. Uno di loro infatti era l'intestatario del contratto d'affitto che gli aveva subaffittato una stanza mentre l'altro era un collega di lavoro.

Gli arresti tra Soragna, Bussero e Guastalla

Tutte le persone coinvolte, vittima compresa, svolgono il lavoro di autisti di camion. Gli aggressori erano arrivati un piazza a bordo dell'auto di uno di loro: le immagini delle telecamere delle Terre Verdiane hanno permesso di verificare la presenza del'auto e, tramite la visione della targa, risalire al proprietario. Per l'indagine lampo, che si è conclusa con l'esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari nel pomeriggio del 17 giugno, sono stati ulilizzati anche i tabulati telefonici e delle celle BTS. Gli arresti sono avventi nei comuni di Busseto, Soranga, Guastalla e Castellucchio, in provincia di Mantova: sono finiti in manette J.M. di 39 anni, S.M. di 32 anni, S.H. di 29 anni e S.G. di 21 anni. Alcuni degli arrestati sono parenti tra di loro: in particolare due sono cugini. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Artigiano 35enne di Busseto stroncato da un malore in vacanza

  • "Quel medico ha cercato di infilarmi le mani sotto gli slip: ho rischiato di ferirmi con l'ago"

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Donna di 42 anni investita da un'auto in viale Mentana: gravissima al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento