Basilicagoiano, appello per il figlio di Mohamed: "Caro piccolo, non ti dimentichiamo"

Hanno condiviso un pezzo di strada con il figlio di Mohamed e Giovanna, il primo torturato ed ucciso durante una spedizione punitiva poichè non riusciva a pagare l'affitto dell'abitazione a Basilicagoiano, la seconda morta in un incidente stradale ed ora vorrebbero aiutarlo

Hanno condiviso un pezzo di strada con il figlio di Mohamed e Giovanna, il primo torturato ed ucciso durante una spedizione punitiva poichè non riusciva a pagare l'affitto dell'abitazione a Basilicagoiano, la seconda morta in un incidente stradale. Alcune persone che sono state vicino al piccolo, oggi in Tunisia con i genitori di Habassi, hanno scelto la nostra redazione per lanciare un appello, con la speranza che arrivi a destinazione, che qualcuno dei parenti si faccia vivo: "Caro piccolo, non ti dimentichiamo, ci stringiamo a te, e combatteremo per un mondo in cui il denaro non valga piu' della vita"

L'APPELLO - "Siamo un gruppo di persone che hanno condiviso un pezzo di strada con il piccolo figlio di Mohamed Habassi, barbaramente ucciso durante una inqualificabile spedizione punitiva. Vogliamo stringerci al piccolo e fargli sapere che gli siamo vicini. Vogliamo far sapere ai suoi parenti, che non sappiamo come contattare, che siamo disponibili ad aiutarlo, in qualsiasi cosa lui abbia bisogno, consapevoli che nulla potra' sostituirsi all'amore dei suoi genitori, sottrattogli purtroppo cosi' terribilmente presto. Scriviamo queste poche righe anche per onorare la memoria di questi giovani genitori, Giovanna e Mohamed, scomparsi entrambi a distanza di poco tempo e perche' non si dimentichi l'impegno speso nella cura del loro cucciolo, nonostante tutte le fatiche che nella vita si incontrano. Ci piacerebbe che a questo assassinio non seguisse silenzio, ma che un'azione  così atroce possa condurre la città a riflettere e ad agire per salvaguardare sempre il senso umanità, sopra ogni altra cosa. Caro piccolo, non ti dimentichiamo, ci stringiamo a te, e combatteremo per un mondo in cui il denaro non valga piu' della vita, dell'amore e della cura verso i piu' deboli e i piu' piccoli. Un mondo in cui non ci sia piu' l'indifferenza, che spesso e' assassina piu' della violenza. Speriamo che qualcuno della famiglia risponda al nostro appello facendoci sapere cosa possiamo fare per il piccolo uomo a cui abbiamo voluto e vogliamo bene".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • come posso aiutare?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si scambia video pedopornografici con l'amico su WhatsApp: 35enne bloccato ed arrestato

  • Cronaca

    Cerca di suicidarsi in auto con la bombola del gas: i carabinieri salvano una 40enne

  • Cronaca

    Boom di visitatori ai Musei Civici: il 2017 chiude con quasi 55mila presenze

  • Cronaca

    Autovelox: ecco dove saranno dal 22 al 26 gennaio

I più letti della settimana

  • Scontri tra tifosi prima di Cremonese-Parma: un ferito

  • "Tuo marito ti tradisce con tante donne del paese": lettere anonime a luci rosse sotto indagine

  • Migliaia litri di carburante di contrabbando in arrivo a Parma: traffico bloccato dalla Finanza

  • Giovane 22enne investito da un Frecciabianca: gravissimo al Maggiore

  • Pasimafi, chiuse le indagini: coinvolti otto nuovi medici

  • Gazzetta di Parma, il Centro Stampa chiude il 30 gennaio

Torna su
ParmaToday è in caricamento