Ordigno ai Ris. Indagato Cospito, arrestato per l'attentato ad Adinolfi

Il 3 novembre del 2005 all'interno del Parco Ducale di Parma venne ritrovato un ordigno esplosivo. I magistrati liguri hanno indagato il presunto autore della gambizzazione al manager dell'Ansaldo

Il 3 novembre del 2005 all'interno del Parco Ducale di Parma, di fronte alla sede dei Ris, venne ritrovato un ordigno esplosivo. L'azione intimidatoria fu rivendicata dalla Cooperativa Artigiana Fuoco e Affini. L'ordigno non scoppiò ma probabilmente aveva una funzione intimidatoria. Da allora gli investigatori non hanno riferito degli esiti delle indagini e non sono arrivati a nessuna conclusione sui presunti autori del gesto.

Ora per quell'ordigno è indagato dalla magistratura genovese Alfredo Cospito, arrestato a settembre con l'accusa di essere uno degli attentatori del menager dell'Ansaldo Roberto Adinolfi, gambizzato da due persone il 7 maggio 2012 a Genova. Lo riferisce Repubblica.Leggi le altre notizie su: http://www.genovatoday.it/ o seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Genova-Today/113510678752 Attentato poi rivendicato dalla Federazione Anarchica Informale. Cospito attualmente si trova in carcere. Il Dna del presunto autore dell'attentato ad Adinolfi verrà confrontato con quello in possesso dei Ris di Parma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • "Columbus, lo stabilimento di Martorano chiuderà nei primi mesi del 2020: a rischio centinaia di posti"

  • Senza patente distrugge tre auto e provoca un incendio, poi scappa: fermato giovane di Parma

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

Torna su
ParmaToday è in caricamento