Pagano il conto del kebab con un banconota falsa: scatta la rissa piazza Garibaldi a colpi di bottigliate e morsi

Il centro trasformato in un campo di battaglia tra due gruppi di stranieri: quattro denunce

Da un conto pagato con una banconota falsa ad una mega rissa in piazza Garibaldi tra due gruppi di stranieri, da una parte il proprietario del kebab pakistano insieme ad alcuni connazionali, dall'altra il gruppo di 'clienti' tunisini. In agosto, in pieno centro a Parma, può succedere anche questo: il confronto violento è avvenuto qualche giorno fa, in orario serale. Siamo in pieno centro, tra via Mazzini e piazza Garibaldi: alcuni clienti di altri bar della zona hanno infatti assistito ad un episodio, che si è concluso con la denuncia di quattro persone per rissa.

Dopo aver mangiato all'interno di un kebab della zona alcuni giovani tunisini hanno deciso di pagare il conto sì, ma con una banconota falsa. Il proprietario pakistano se n'è accorto e lo ha fatto notare ai clienti che, però, hanno deciso di avviarsi verso la piazza, senza saldare il conto con una banconota vera. Da questo episodio si sarebbe scatenato il panico: tra morsi e bottigliate la piazza si sarebbe trasformata in un campo di battaglia. Sul posto sono arrivati i poliziotti delle Volanti della Questura di Parma che hanno fermato quattro persone, tutte denunciate per rissa. I tunisini sono stati denunciati anche per aver utilizzato la banconota falsa. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Varano dè Melegari, esce di strada con l'auto: muore 33enne

  • Venditti: "Ci hanno tolto la luce, abbiamo interrotto il concerto: imbarazzante"

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Sorbolo, pauroso frontale tra due auto in via Mantova: tre feriti gravi

  • Fatture false, società fantasma e fondi di denaro 'occulti' per evadere il fisco, tre arresti: sequestrati immobili di lusso

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

Torna su
ParmaToday è in caricamento