Parma Gestione Entrate: avvisi di garanzia al presidente Tosi e ai massimi dirigenti

Sarebbero stati notificati al presidente Tosi, all'amministratore delegato Giannoni e al direttore Allegri. Le accuse ipotizzate sarebbero di falso ideologico, usura e peculato. Perquisizioni anche nelle società che gestivano il servizio di notifica multe

La Polizia la mattina del 21 marzo a Parma Gestione Entrate

Avrebbero ricevuto un avviso di garanzia per falso ideologico, usura e peculato alcuni dei massimi dirigenti di Parma Gestione Entrate l’a.d. Oscar Giannoni, il presidente Enrico Tosi e il direttore Pierluigi Allegri. Più un quarto dirigente che sarebbe coinvolto solo per l’accusa di falso ideologico, Federico Merli amministratore di società che detengono il servizio di notifica multe e ingiunzioni fiscali per conto della concessionaria di Parma. Gli avvisi sarebbero giunti oggi, perquisite anche le abitazioni dei dirigenti. Dalle prime ipotesi sembrerebbe che le notifiche fossero effettuate con false attestazioni di ricevuta, che gli aumenti sulla cifra iniziale della multa ricevuta rispetto al servizio di riscossione fossero eccessivi. Tutte ipotesi ancora da verificare.

Perquisizioni sono in corso anche in Municipio - il comune di Parma ha già affermato che si tutelerà in caso di danni - e in società esterne che avevano in carico il servizio di notifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

Torna su
ParmaToday è in caricamento