Parma, Lucarelli nella storia: si riparte dalla sua forza

L'unico difensore del nostro calcio a segnare in tutte le categorie con la maglia crociata

Chissà se quando è arrivato a Parma, Alessandro Lucarelli si aspettava di diventare una bandiera. La bandiera per eccellenza, il vessillo più alto di una città che lo ama e che egli ama a sua volta. E non a chiacchiere. Non era facile riuscirci. Dal 2008, con i crociati in B, sbarcato all’ombra del fratello celebre, Cristiano, Alessandro ha stupito tutti. E se dopo nove anni di Parma si trova anche a festeggiare un record che per un difensore è un po’ inusuale, beh, di certo qualcosa deve aver azzeccato: l'unico ad aver segnato in tutte le categorie. L'unico difensore. 

Quello che il capitano ha fatto un anno e mezzo fa, con il Parma travolto da debiti e vergogna per un fallimento mastodontico rimane nella storia. Di una città, di una squadra e di un uomo che ama arricchire la sua sempre più. E che dopo numeri su numeri si è tolto anche la soddisfazione di segnare in tutte le categorie con la maglia del Parma: in Serie A (contro l’Udinese al debutto, partita finita 2-2, stagione 2009/2010); in Serie B (ha segnato all’Albinoleffe e al ‘suo’ Livorno, 2008/2009); in Serie D (era il 6 gennaio del 2016 e aveva ‘punito’ l’Arzinagno); in Lega Pro (fresco il suo gol al Lumezzane nell’ultima partita dell’anno, 30 dicembre). L’unico difensore a riuscirci, il terzo giocatore nella storia del nostro calcio dopo Raffaele Rubino, attaccante del Novara che ha conquistato il record con i Piemontesi segnando il gol in Serie A proprio contro il Parma, oggi collaboratore di Daniele Faggiano, e Lorenzo Pasciuti (capitano storico del Carpi).

Quasi trecento presenze con la maglia del Parma, 296 per la precisione, è arrivato nel Ducato per intercessione di suo fratello Cristiano, l’altro Lucarelli, oggi non tanto più famoso del Capitano. _DF51152-2Perché oggi, Alessandro che non ha bisogno di rivincite, sta scrivendo la storia e vuole riportare il Parma dove lo ha preso: in Serie B, chiudendo un cerchio che sarebbe perfetto. Dopo nove anni in crociato, dopo 258 presenze in campionato con la maglia del Parma, dopo 17 gol, Lucarelli a quasi quarant’anni si è tolto la soddisfazione di essere l’unico difensore ad aver segnato in tutte le categorie. Dopo il gol al Lumezzane, con la stessa forza con cui ha attaccato il pallone per sbatterlo in rete, è andato a brandire con orgoglio sotto la curva una maglia dedicata con una croce (che richiama la crociata del Parma) e quattro lettere: A, B, C e D, ricordando a tutti i suoi centri nelle quattro categorie. Una maglia che aveva preparato un bel po’ di tempo fa, e che aveva una grande voglia di sfoggiare. Un’onda d’urto e un moto d’orgoglio di tutta Parma e la sua gente che si aggrappa con forza al suo capitano.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Auto si ribalta in A1: muore il conducente

    • Cronaca

      Ingannato con la scusa di sesso a pagamento: 28enne malmenato e rapinato in stazione

    • Cronaca

      Commessa sottrae 157 mila euro dalla cassa del supermercato per cui lavora

    • Cronaca

      Muratore svaligia la farmacia in cui stava effettuando lavori: sottratti 5 mila euro di farmaci

    I più letti della settimana

    • Borgotaro, si ribalta nel bosco con il quad: muore Danilo Savani

    • San Secondo, perde il controllo dell'auto e si schianta: muore un automobilista

    • Sgominato il clan Kasa, raffinavano eroina e cocaina, sequestrati 80 chili: Parma era la base operativa

    • Auto si ribalta in A1: muore il conducente

    • Commessa sottrae 157 mila euro dalla cassa del supermercato per cui lavora

    • "Antibiotici e soda in Parmigiano e Grana falsi": 27 indagati

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento