Truffa ai danni dello Stato: Rosi e Delsante di Parmacotto rinviati a giudizio 

L'ex numero del gruppo e l'ex responsabile amministrativo verranno processati per gli 11 milioni di finanziamento, erogati dalla società pubblica Simest, a cui non avrebbero avuto diritto

Secondo l'accusa avrebbero percepito dallo Stato ben 11 milioni di euro senza averne diritto quando erano a capo del colosso Parmacotto, poi crollato. Marco Rosi, ex numero uno del gruppo e Marco Delsante, ex responsabile amministrativo sono stati rinviati a giudizio dal Gup di Modena Paola Losavio con l'accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato. L'accusa nei loro confronti infatti è di aver usufruito di 11 milioni di euro, tramite la società pubbluca Simest, che fa parte della Cassa Depositi e Prestiti e per questa eroga i finanziamenti alle aziende in crescita. Il gruppo Parmacotto non avrebbe avuto diritto a quel finanziamento: il 5 luglio si svoglerà la prima udienza del processo nei loro confronti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Allerta meteo arancione per temporali, temperature in picchiata

Torna su
ParmaToday è in caricamento