Pasimafi: dalla Procura 75 richieste di rinvio a giudizio

Scandalo sanità e corruzione, i Pm hanno depositato la richiesta: tra gli imputati anche sei medici in servizio all'Ospedale Maggiore

Pasimafi è il nome dell'inchiesta che nel maggio del 2017 ha fatto venire a galla un sistema di corruzione in sanità che fino a quel momento era rimasto sotto traccia. Uno scandalo, un terremoto giudiziario per la sanità parmigiana. Il luminare della terapia del dolore Guido Fanelli è stato arrestato insieme ad altre 18 persone. La Procura di Parma ha depositato 75 richieste di rinvio a giudizio che riguardano 65 persone, tra medici, dirigenti di case farmaceutiche e informatori scientifici e 10 società. L'inchiesta, seguita dai Pm Giuseppe Amara e Paola Dal Monte aveva portato all'arresto di Guido Fanelli, considerato dagli inquirenti al centro del sistema di corruzione, e di alcuni suoi collaboratori, Massimo Allegri, Antonio Mutti e Pierfranco Salcuni. Le richieste di rinvio a giudizio sono state fatte anche nei confronti di sei medici ancora in servizio al Maggiore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Coronavirus, a Parma otto nuovi casi: nessun decesso in tutta la regione

Torna su
ParmaToday è in caricamento