Paura in via Venezia, scappa ed aggredisce i carabinieri a calci e pugni: 23enne arrestato

Due militari in moto del nucleo Radiomobile hanno tentato di controllare i documenti ad un gruppetto di stranieri vicino al parco del Naviglio

Era seduto, insieme ad altri tre uomini ed una donna, nei pressi di via Venezia, nella zona del parco del Naviglio, su una panchina. Quando, nella giornata di ieri venerdì 18 ottobre, i carabinieri in moto del Nucleo Radiomobile hanno deciso di controllarlo, è scappato - insieme alle altre persone sedute - è stato raggiunto ma ha sferrato calci e pugni contro i militari. Un nuovo caso di violenza si è verificato nel quartiere San Leonardo: in questo caso i carabinieri coinvolti nell'episodio hanno riportato solo alcune contusioni mentre il giovane 23enne nigeriano è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. L'episodio è simile a tanti altri avvenuti con le stesse modalità, nelle scorse settimane.

I due carabinieri in moto hanno visto il gruppetto di persone straniere ed hanno deciso di controllarle. Nemmeno il tempo di scendere dalla moto che tutte le persone presenti sono scappate, separandosi in modo da rendere più difficile l'inseguimento. Solo uno di loro, il 23enne nigeriano, è stato raggiunto.

Il ragazzo, con un fisico possente, ha reagito con violenza con calci e pugni: i due militari hanno chiamato una seconda pattuglia. Grazie all'arrivo dei rinforzi il giovane è stato bloccato ed ammanettato. Ha alcune denunce per resistenza, spaccio di sostanze stufacenti e lesioni: attualmente si trova nelle camere di sicurezza della Caserma di via delle Fonderie, in attesa del processo per direttissima che si terrà lunedì. Il giovane non è stato trovato in possesso di droga: il reato di cui è accusato infatti è resistenza a pubblico ufficiale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • CORONAVIRUS: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

  • Sbarca a Parma la truffa del finto incidente: "Un giovane si butta sotto l'auto, simulando di essere investito"

  • Tenta una rapina al Centro Torri, poi chiama i carabinieri simulando un'aggressione: denunciato

  • ATTENZIONE ! Coronavirus: sui social un'immagine fake di ParmaToday

Torna su
ParmaToday è in caricamento