Picchia e violenta la moglie per dieci anni davanti ai figlioletti: 43enne condannato

Il marito è stato condannato a 7 anni per violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni

Per dieci lunghi anni una donna di origine polacca ha subito le violenze e le umiliazioni da parte del marito, anche lui polacco. L'uomo è stato condannato ieri a sette anni di reclusione del collegio presieduto dal giudice Gennaro Mastroberardino per i reati di violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti in famiglia. La donna, che oggi ha 39 anni, è stata vittima di abusi sessuali ripetuti, pestaggi e violenze psicologiche, consumati anche davanti ai due figlioletti, nati dalla loro relazione. Un inferno che la donna è riuscita a raccontare ad un'amica solo dopo l'ennesimo pestaggio, che l'ha costretta a richiedere le cure del Pronto Soccorso. Il marito, spesso ubriaco, aveva iniziato prima del matrimonio a picchiare la donna. Dopo le botte sono arrivate anche le violenze sessuali: l'uomo infatti l'avrebbe costretta ad avere dei rapporti non consensuali. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Noceto, scontro frontale tra due auto a La Rampa: gravi un uomo e una 41enne

  • Cronaca

    "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Attualità

    Sciopero degli autisti al magazzino Amazon di Torrile: "Vogliamo i nostri soldi"

  • Politica

    Giudice di pace. Proposta Pd: 50mila euro dalla Regione per finanziare gli uffici nei Comuni

I più letti della settimana

  • "Fidenza deve tornare ad essere sicura": ma il candidato di Fratelli d'Italia ha commesso 40 reati

  • Mille Miglia il 18 maggio: il percorso

  • Corse clandestine nel parcheggio del Panorama: fermati 40 giovani

  • "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Mille Miglia a Parma: le modifiche alla viabilità di sabato 18 maggio

  • Installa telecamere per controllare i dipendenti: i Nas denunciano un'estetista

Torna su
ParmaToday è in caricamento