Ponte della Navetta, al via la rimozione dell'amianto nel greto del Baganza

L'assessore all'Ambiente Cristina Sassi: "Pronto l'accordo con il Servizio tecnico di bacino che ci servirà per individuare i casi di abusivismo, nati negli anni '60, su cui è necessario intervenire subito"

Il Comune, con l'operatività di Iren, sta rimuovendo l’eternit dall’area degli spogliatoi del campo da calcio, da tempo in disuso, nel greto del torrente Baganza, in prossimità del Ponte della Navetta. Nei mesi scorsi un incendio che aveva interessato il piccolo edificio, aveva causato il crollo di una parte del tetto in eternit e la frantumazione del materiale a terra. Le travi in legno rimaste non garantivano di reggere il peso della parte di copertura rimasta. Inoltre le porte dello spogliatoio erano aperte e l’area era facilmente accessibile a chiunque (l’area in questione in passato era utilizzata per le feste del quartiere Montanara).
Gli interventi prevedono la rimozione del primo strato di terreno contaminato intorno e all’interno dello spogliatoio, la rimozione della parte di copertura rimasta, la messa in sicurezza del materiale raccolto, il trasporto e lo smaltimento presso impianti autorizzati. Entro venerdì la rimozione di tutto il materiale pericoloso sarà completata e l'area sarà quindi riportata in piena sicurezza e restituita alla città e in particolare al Quartiere Montanara.

"In questo modo - tiene a sottolineare l'assessore all'Ambiente Cristina Sassi - andiamo a sanare una situazione delicata. Voglio ricordare che è quasi ultimato l'accordo con il Servizio tecnico di bacino, che ci servirà per andare a individuare i casi di abusivismo, nati negli anni Sessanta, su cui è necessario intervenire prioritariamente per eliminare situazioni che possono arrecare danno all'ambiente. Voglio anche sottolineare che, nell'agosto dell'anno scorso, proprio nell'ambito di questa collaborazione, si è proceduto alle operazioni di pulizia di un ampio tratto cittadino dell'alveo del torrente Baganza. Quanto all'intervento di bonifica in corso, si stanno anche valutando le fasi che porteranno alla demolizione dell'edificio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL COMMENTO DI DAVIDE MORANTE
"Desidero esprimere i miei ringraziamenti all’Assessore all’Ambiente, Cristina Sassi, e ai suoi collaboratori per l’intervento di rimozione del tetto in Ethernit in una baracca ai piedi del ponte Navetta effettuato stamattina. Ancora una volta, il Governo Cittadino ha agito per risanare situazioni create nel passato e che precedenti Amministrazioni hanno trascurato permettendone  la nascita o non accollandosene la risoluzione e come per il caso dello spartitraffico e delle barriere anti rumore assenti nella Tangenziale Sud di proprietà Anas, nuovamente la Giunta Vignali si trova a dover affrontare e risolvere criticità per i benessere di noi cittadini su aree di competenza di altri Enti o di privati come nel caso odierno".

Davide Morante
consigliere Quartiere Montanara
gruppo Impegno Per Parma

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizzarotti furioso: "Non è una gara a chi è più stupido"

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento