Prosciuga il conto dell'amico centenario: vicina di casa rinviata a giudizio

L'accusa è circonvenzione d'incapace: secondo la difesa la donazione di un appartamento di 100 mila euro è stato un atto fatto dall'anziano in piena consapevolezza

L'accusa contro due donne, la vicina di casa e la collaboratrice domestica di un anziano quasi centenario che vive in una casa di riposo nel parmense è grave: aver approfittato delle condizioni dell'uomo per ottenere la donazione di un appartamento e il prelievo di diversi soldi, fino a 60 mila euro. La collaboratrice domestica è stata assolta poichè il fatto non costituisce reato: ha restituito 20 mila euro. La vicina invece è stata rinviata a giudizio per circonvenzione d'incapace con l'accusa di aver prosciugato il conto corrente dell'anziano. Al centro del dibattimento la donazione di un appartamento del valore di 100 mila euro: secondo l'accusa il gesto non sarebbe stato fatto in piena consapevolezza, come invece sostiene la difesa della donna. I lavoratori della casa di riposo e i dipendenti dell'Istituto di credito in cui l'anziano aveva il conto corrente si sono insospettiti ed hanno fatto sì che venisse nominata un'amministratrice di sostegno dell'anziano, che si accorse dei prelievi anomali. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I cinque migliori ristoranti per la pausa pranzo a Parma

  • È morto il 46enne investito da un ciclista in piazzale Picelli

  • "Buon viaggio Schinca": il ricordo degli amici del 40enne morto dopo lo schianto in moto

  • Fontanellato: 40enne morsa al polpaccio da una nutria

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Dal Festival del Cioccolato all'enogastronomia, castelli e visite guidate: ecco il week end

Torna su
ParmaToday è in caricamento