Raid contro la vetrina di Pepèn, i titolari: "Non si può avere paura di una banda di ragazzini di 14 anni!"

Parlano i gestori del noto locale: "Non chiamatele baby gang, sono ragazzini che non sanno stare al mondo, noi abbiamo tollerato un mese e forse abbiamo sbagliato, ci vogliono più controlli"

Dopo il raid di un gruppo di ragazzini contro la vetrina del locale Pepèn di Borgo San GIacomo i titolari prendono la parola per chiarire la loro posizione e per chiedere più controlli: "Sono ragazzini che non sanno stare al mondo, noi abbiamo tollerato un mese e forse abbiamo sbagliato". 

"Non crediamo si possano chiamare “baby gang” ma sono semplicemente ragazzini che non hanno ricevuto un’educazione e non sanno stare al mondo, perché non possiamo credere che la loro priorità soprattutto all’età di 14-15 anni sia uscire di casa e andare a terrorizzare i negozi del centro! Quindi visto che in casa l’educazione evidentemente non viene insegnata chiediamo qualche controllo in più e soprattutto sanzioni perché nel 2018 non si può andare a lavoro (e pensiamo di parlare per una buona parte dei negozi del centro) ed avere paura per una banda di ragazzini di 14-15 anni! Noi abbiamo tollerato un mese e evidentemente abbiamo sbagliato visto che hanno lanciato un bidone contro la vetrina e sono riusciti a romperla! Fortunatamente abbiamo le telecamere ma in ogni caso nel 2018 queste cose non possono succedere! Chiediamo la condivisione di tutti così da mettere fine a questa cosa!"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Paura a Mamiano, auto finisce nel canale e si schianta contro un muretto: gravissimo bimbo di 9 anni

  • Fatture false, società fantasma e fondi di denaro 'occulti' per evadere il fisco, tre arresti: sequestrati immobili di lusso

  • Assicuratore-pusher 37enne gestiva un traffico di marijuana e hashish in Università: quattro arresti

  • Incidente in tangenziale, è giallo: bici accartocciata e tracce di sangue ma il ferito non si trova

Torna su
ParmaToday è in caricamento