Rave party illegale vicino al Po, blitz dei carabinieri all'alba: identificati 60 giovani

I militari della stazione di Fidenza e i carabinieri forestali di Colorno hanno fermato la festa sullo spiaggione a Coltaro

Sono arrivati da varie città del Nord Italia per partecipare al rave party non autorizzato che si è svolto, nella notte tra sabato e domenica a Coltaro, nei pressi dell'argine  del fiume Po, nei pressi dello spiaggione. Sono stati una sessantina i giovani identificati dai carabinieri di Fidenza che, insieme ai carabinieri forestali di Colorno, hanno proceduto al controllo dei partecipanti alla festa 'illegale' nella mattinata di ieri, domenica 6 ottobre. I giovani, dopo aver allestito la zona ed aver organizzato la festa sono rimasti a ballare fino alle prime luci dell'alba. Alcuni residenti hanno sentito la musica ed hanno fatto le segnalazioni ai carabinieri. Giunti sul posto i militari hanno controllato i giovani che erano ancora presenti nella zona in cui si stava tenendo il rave e li hanno poi identicati. I due organizzatori hanno ricevuti alcune sanzioni amministrative. È possibile che i partecipanti al rave, provenienti anche dalla Lombardia e dal Veneto, vengano anche denunciati per invasione di terreni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

Torna su
ParmaToday è in caricamento